Mondiale U20: l'Italia saluta la competizione, vince l'Ucraina

Decide il gol di Buletsa al 65'. Pareggio di Scamacca annullato con il VAR sul finale

by   |  LETTURE 351
Mondiale U20: l'Italia saluta la competizione, vince l'Ucraina

L’Ucraina recupera tra i pali Lunin. Il giovane portiere del Real Madrid era in panchina ieri sera con la nazionale dei grandi a Leopoli, ma in mattinata ha raggiunto i pari età in Polonia, lasciandosi indietro 800 chilometri.

Nel primo tempo la partita risulta molto statica, le due squadre si studiano e l'Ucraina impedisce agli Azzurri di imporre il proprio gioco con il possesso palla che ha caratterizzato la nostra Nazionale in questo Mondiale.

Nella ripresa È un’altra Italia, più sciolta. Al 60’ Scamacca non arriva per poco sull’invitante cross di Tripaldelli dalla sinistra. L’Ucraina arretra e Petrakov sceglie di dare la sveglia: fuori la stellina Sikan (impalpabile), dentro Supriaha.

Una mossa che ha il suo effetto. Un minuto dopo, al primo affondo della ripresa, l’Ucraina passa: palla persa di Esposito, Konoplia sfonda sulla destra e centra per la stoccata di Buletsa, che brucia Alberico e batte Plizzari.

L’Italia sente il colpo, ma al 72’ Supriaha ci tiene vivi, angolando troppo il diagonale a tu per tu con Plizzari. Finale al cardiopalma: Capone al 90’ calcia alle stelle col sinistro solo davanti a Lunin, poi nel recupero Scamacca con un eurogol pareggia i conti.

L’esultanza dura però poco, perché Raphael Claus, richiamato alla Var dal connazionale Sampaio, giudica fallosa la sbracciata dell’attaccante del Sassuolo su Bondar. Gol annullato (ci sta), in finale ci va l’Ucraina.

Con tanto di rissa dopo il triplice fischio, generata da un’esultanza fuori luogo di Popov, che imbestialisce Esposito e Capone. Rabbia e delusione saranno dure da smaltire anche a freddo.