Serie A 30a giornata - I risultati del Mercoledi

Vince al 103° il Frosinone grazie ad un penalty di Ciofani. Perde la Lazio a Ferrara a causa di un rigore dubbio mentre il Torino vince e ritorna in corsa Champions. Perdono anche le genovesi.

by   |  LETTURE 303
Serie A 30a giornata - I risultati del Mercoledi

Sorprende molto il Frosinone che vince davvero in extremis ai danni del Parma con un calcio di rigore al 103° siglato da Ciofani. Passano in vantaggio i ciociari grazie al gol di Pinamonti su assist di Valzania. Dura poco il fantaggio dei padroni di casa, che vengono raggiunti da Barilla al 18°.

Alla fine dei primo tempo, Pinamonti restituisce il favore a Valzania, che segna e porta di nuovo in vantaggio i suoi. Nella ripresa l'arbitro Manganiello concede un calcio di rigore ai crociati per un fallo di Sammarco e dal dischetto va Ceravolo che non sbaglia e riporta in equilibrio il risultato.

Durante gli attimi finali della partita, Manganiello concede, dopo aver consultato il VAR, un rigore al Frosinone al 103° minuto, siglato da Ciofani che cosi porta alla vittoria i suoi e porta anche tre punti fondamentali per una salvezza difficile ma non impossibile.

Passeggiata dell'Inter ai danni di un Genoa sterile che, dopo l'ottima impresa contro la Juventus di due giornate fa, trova la sua seconda sconfitta consecutiva. I nerazzurri passano in vantaggio con Gagliardini al 15° e dopo, al 39°, passano in vantaggio numerico per l'espulsione diretta di Romero per un fallaccio in area da ultimo uomo.

Dal dischetto va Mauro Icardi, ritornato in campo dopo tutta la telenovela durata 53 giorni, e l'argentino spiazza Radu, tornando al gol dopo 2 mesi di assenza assoluta. Nella ripresa il n°9 nerazzurro trova anche l'assist vincente per Perisic, che porta cosi il risultato sul 3-0.

Chiude definitivamente la partita Gagliardini all'81°, segnando il suo 5° gol in campionato. Curiosità interessante: Gagliardini ha segnato 4 dei suoi 5 gol al Genoa, due all'andata a San Siro e due al ritorno a Marassi.

Continua la crisi di risultati della Roma che, dopo tre sconfitte nelle ultime quattro partite, ritrova almeno 1 punto contro la Fiorentina, che arriva anche lei da un periodo abbastanza negativo con 2 pareggi e 2 sconfitte nelle ultime quattro (prima di questa, ndr).

Passano in vantaggio i viola al 12° con il capitano Pezzella ma dura poco la gioia degli ospiti; ci pensa Zaniolo due minuti più tardi a portare in equilibrio il risultato. Nella ripresa Gerson segna il gol dell'ex con un tiro deviato, ma anche qui il vantaggio dura poco: Perotti, imbeccato bene da Kluivert, segna il gol della parità.

Curiosità interessante: Zaniolo ha segnato tutti e quattro i gol in casa, mentre ancora deve trovare il primo gol fuori casa. SPAL-Lazio viene decisa da un calcio di rigore... dubbio. All'88° Cionek cade in area di rigore della Lazio dopo un "contatto" con Patric e l'arbitro Guida prende subito il fischietto ma il polacco si rialza subito, ammettendo di aver simulato.

L'arbitro lo ammonisce ma qualche secondo dopo viene chiamato all'On Field Review del VAR per verificare oppure no il contatto. Guida, dopo aver esaminato bene le immagini, ritorna sui suoi passi e assegna il penalty in favore della SPAL, ritirando dunque il giallo al difensore polacco.

Sul dischetto si presenta Petagna che la mette forte, tesa sotto la traversa. Vince il Torino e vola a -4 dal quarto posto del Milan contro la Sampdoria abbastanza scarica in campo e con un Quagliarella non proprio in serata.

Entrambe le marcature dei granata le sigla Belotti al 34°, grazie ad un colpo di testa chirurgico, e al 46°, su un errore difensivo dei blucerchiati, arriva il secondo gol della serata. A niente serve il gol dalla distanza di Gabbiadini all'83°, che impensierisce i padroni di casa ma che alla fine hanno la meglio.