Il Napoli cade ad Empoli

Farias e Di Lorenzo piegano il Napoli. Inutile il momentaneo pareggio siglato da Zielinski.

by   |  LETTURE 243
Il Napoli cade ad Empoli

Il Napoli cade al Castellani di Empoli. La squadra allenata da Aurelio Andreazzoli riesce nell'impresa di battere con il risultato di 2-1 il Napoli di Carlo Ancelotti, che ha sofferto abbastanza gli errori individuali di alcuni suoi giocatori, da Koulibaly e Ounas a Malcuit e Younes.

La squadra campana infatti ha sbagliato molto a livello tecnico, dai passaggi più semplici alle giocate più inutile, perdendo spesso palla e facendo ripartire cosi gli avversari, mettendo in difficoltà Meret che è stato il migliore in campo tra i suoi.

La prima rete arriva al 28° con Farias che dal limite dell'area calcia e, trovando la deviazione fortuita di Zielinski, supera Meret. Poco più tardi il polacco si fa perdonare grazie ad una saetta tirata da oltre 25 metri che batte Provedel, disturbato un po' anche da Veseli.

Nella ripresa gli azzurri "toscani" ritornano in vantaggio al 52° con il colpo di testa di Di Lorenzo. Con questa sconfitta, il Napoli rimane a -18 dalla Juventus, che già con una vittoria Sabato contro il Milan, e in contemporanea con la sconfitta proprio degli azzurri, si potrebbe aggiudicare il suo ottavo scudetto consecutivo con ben 7 partite d'anticipo.

L'Empoli, dopo la buona partita, persa, giocata contro la Juventus, riesce a vincere contro la seconda in classifica e ottiene tre punti assolutamente importantissimi per la salvezza, in attesa del verdetto di Atalanta-Bologna.