Pellegrini: "Conte porti più serenità e sorrisi"



by   |  LETTURE 247

Pellegrini: "Conte porti più serenità e sorrisi"

L'ex presidente dell'Inter Ernesto Pellegrini ha parlato ai microfoni della Gazzetta dello Sport. "Ringrazio il Signore per quanto ho avuto in questi 80 anni che, comunque, non sento. Godo di buona salute, ho una bella famiglia, una figlia che mi ha regalato due nipotini meravigliosi, un’azienda che mi dà soddisfazioni con 9.400 dipendenti e in continuo sviluppo"

Le parole di Pellegrini

"Sono stato cooptato nel Consiglio del compianto Presidente Ivanoe Fraizzoli nel 1980. Dopo quattro anni acquistai l’intero pacchetto azionario diventando, a 43 anni, il presidente della mia squadra del cuore.

Sono stato definito “presidente gentiluomo”, ma a me piace rimarcare l’onestà" "Non ho consigli da dare perché ritengo Steven Zhang un presidente serio, preparato e con grande entusiasmo.

Conte È un grande allenatore. Mi permetto, con l’esperienza dei miei 80 anni, di dargli un consiglio: portare nello spogliatoio serenità, entusiasmo e tanti sorrisi. Le racconto un aneddoto. Guglielmo, mio nipote che ha 4 anni e mezzo, ascoltando un dialogo di lavoro tra me e mia figlia su una gara non vinta un giorno esclamò: “Nonno, chiudi gli occhi, fai un respiro e sorridi.

Vincerai tutte le gare!" "Non conosco le difficoltà di Eriksen ma so che Bergkamp era un campione che ci ha fatto vincere una Coppa Uefa e divenne poi il miglior giocatore del campionato inglese"Lukaku è Lukaku, un giocatore unico: grintoso, tecnicamente preparato, con uno spiccato senso del gol.

Poi dopo ogni rete guarda in cielo e si fa sempre il segno della croce. Mi piace tantissimo. Anche la mia Inter dopo una vittoria in Germania, a Monaco, fu eliminata in coppa a San Siro ma poi vinse lo Scudetto. Speriamo, quindi, che la storia si ripeta"

"Faccio un “in bocca al lupo” al Milan dell’amico Scaroni e alla Juventus, che mi permise di incominciare la mia carriera da dirigente sportivo con l’acquisto di Villar Perosa. Ma tifo soltanto Inter. Chi vorrei? Messi è fin troppo facile, a me piace molto anche Mbappé", ha concluso Pellegrini.