Antonello: "Conte ha dato slancio ai risultati"



by   |  LETTURE 252

Antonello: "Conte ha dato slancio ai risultati"

Il Ceo nerazzurro Alessandro Antonello ha parlato al Corriere della Sera. "Il problema degli stipendi nasce da prima della pandemia ed è giusto fare un po' di autocritica, ma oggi è insostenibile. L'incidenza del costo del lavoro sul fatturato sfiora il 70/80%, con questi dati nessuna industria può reggere.

Serve una riforma"

Le parole di Antonello

"Serve affrontare il problema a livello europeo. Il modello della Liga del salary cap può essere un esempio, l'importante è essere flessibili. C'è una crisi finanziaria, i club ci stanno mettendo le risorse ma non basterà.

Senza una soluzione difficilmente affronteremo serenamente il futuro. Purtroppo la pandemia ci ha portato a vivere delle circostanze uniche. L'Inter nel 2019/2020 stava seguendo una strategia che stava funzionando, allo stadio e con i ricavi commerciali in crescita.

Si è interrotto con la pandemia, per ora il primo pensiero è tutelare la salute di tutti quelli che sono nel club e dei tifosi. Non abbiamo cambiato la strategia a medio-lungo termine. Seguiamo due parole chiavi: sostenibilità e stabilità a livello sportivo ed economico"

"Conte ha dato slancio ai risultati sportivi con il secondo posto in campionato e la finale di Europa League, dall'altro lato l'Inter ha costruito un brand globale cercando di offrire un prodotto oltre i novanta minuti.

Il calcio anche sotto l'aspetto dell'entertainment, per questo abbiamo spinto sulla produzione di contenuti digitali ad alto valore che ci hanno aiutati a stare vicino alla fan base e ai nostri partner. L'obiettivo resta quello di tornare ad essere uno dei club più importanti a livello europeo"

Questa l'analisi di Antonio Conte al termine della partita col Torino: "Bisogna valutare entrambe le situazioni, in maniera attenta e dettagliata. Sicuramente l'approccio non è stato dei migliori, non mi è piaciuto.

Avremmo dovuto essere più feroci e determinati, lo è stato il Torino e abbiamo perso tanti duelli. Capisco le difficoltà legate al rientro dalle Nazionali, non è facile riattaccare la spina e capire l'importanza di una partita.

Siamo mancati da questo punto di vista, poco furore agonistico e cattiveria nella prima parte, mentre nella seconda abbiamo dimostrato di avere qualcosa di importante, anche a livello caratteriale perché il 2-0 avrebbe ammazzato chiunque.

Non era semplice e devo fare i complimenti ai ragazzi per la reazione, siamo riusciti a fare quattro gol e a rimontare la partita ma dobbiamo essere bravi a tirare fuori la cattiveria al momento giusto. Dobbiamo lavorare e alzare il livello di attenzione.

Rispetto a come abbiamo chiuso l'ultima stagione, abbiamo perso tanto sotto questo punto di vista quindi dobbiamo essere bravi a ritrovare quella ferocia. Mi auguro che questa partita serva da lezione per il futuro, perché se vogliamo conquistare qualcosa dobbiamo essere pronti a rimboccarci le maniche, dobbiamo lavorare per far trovare il campo in salita agli avversari.

Abbiamo bisogno di questi valori, al di là di quelli tecnici e atletici", ha concluso Conte, elogiato da Antonello.