Lautaro Martinez, gli agenti: "Tutte bugie"



by   |  LETTURE 293

Lautaro Martinez, gli agenti: "Tutte bugie"

I procuratori di Lautaro Martinez, Rolando Zarate e Beto Yaqué, hanno parlato con Olè del rinnovo del Toro che tarda ad arrivare.

Le parole degli agenti di Lautaro Martinez

“Non c’è nessun problema economico, sono tutte menzogne.

Al momento non c’è alcuna trattativa. L’Inter non ci ha fatto nessuna offerta e Lautaro non ha chiesto più soldi. Si parla di questa questione per altri motivi: evidentemente ci sono interessi di altri che vogliono approfittare di questa situazione.

Lautaro sta bene sa che deve concentrarsi su quello che succede in campo e non pensare a tutto quello che si dice su di lui, che poi sono tutte bugie“. Antonio Conte è deluso dal 2-2 col Parma. "Per l'ennesima volta abbiamo sbagliato tantissimo, non va bene.

Ci vuole più cattiveria e determinazione. Se non segni non vinci. Non è la prima volta che accade. Il Parma ha avuto due occasioni e fatto due gol. Ho poco da dire sull'impegno, ma abbiamo creato tanto e siamo stati imprecisi.

Potevamo fare molto meglio" "È mancata la conclusione ma da parte di tutti, dei quinti, dei centrocampisti, non dobbiamo riferirci agli attaccanti e basta. La fase offensiva è fatta da tanti uomini. Abbiamo creato tanto ma arrivati sotto porta siamo stati poco determinati.

Motivo per il quale parliamo di un altro pareggio. Il Parma è stato perfetto, ha fatto due tiri e due gol. Spesso e volentieri le squadre non ci tirano in porta, come è successo nelle ultime partite, e quando lo fanno hanno una percentuale realizzativa alta come oggi.

Non voglio parlare di fortuna, dico che partite come queste, in cui domini, devi vincerle. Le vinci se c'è l'ambizione di restare lì a combattere per ottenere il meglio. Inter diversa in casa e fuori casa? Non c'entra nulla, specie quest'anno che giochiamo senza pubblico.

Ogni squadra cerca di tirare fuori il meglio quando incontra l'Inter" L'ad dell'Inter Beppe Marotta prima della sfida di campionato contro il Parma si è sfogato. "Fra due settimane c'è la pausa per le Nazionali: io non voglio boicottare le manifestazioni, dico che un giocatore per rispondere alle convocazioni delle Nazionali deve essere in una condizione psico-fisica idonea per farlo.

Quando si manda un giocatore, se è già affaticato è evidente che rimanga a casa per il bene di tutti. Chiedo che ci sia maggior rispetto per i club" "Sicuramente è una situazione che affronteremo con rigidità.

Dobbiamo rispondere ai molti impegni ufficiali che abbiamo e mi sembra giusto che anche le Federazioni ci vengano incontro. È un malumore che serpeggia nei vari club. Siamo davanti a una situazione anomala, abbiamo già un grande impedimento che è il Covid, sta nel buon senso di tutti"

"Abbiamo detto che l’anno scorso si è chiusa una stagione anomala, questa è ancora più anomala. Non è un alibi, ci sono tante partite ravvicinate. Aggiungiamo gli infortuni e le assenze per Covid: ne viene fuori che gli allenatori non riescano mai a studiare una formazione anticipata.

Dobbiamo cercare di anticipare queste situazioni, cercando di limitare le partite della nazionale, perché altrimenti si fa fatica a gestire le squadre fino a fine campionato”. "Lukaku? Dobbiamo affidarci alle indicazioni dello staff medico.

Dobbiamo andare con i piedi di piombo, vediamo quello che succede. La situazione è comunque delicata”. "Siamo contenti di questa rosa, il lavoro di Ausilio è egregio. L'allenatore sta facendo del suo meglio, tutti noi stiamo cercando di valorizzare le risorse che abbiamo, che sono frutto di un disagio creato dal Covid.

Non si può ipotizzare cosa succederà a gennaio", ha concluso Marotta, che ora non ha tempo per pensare al rinnovo di Lautaro Martinez.