Conte: "Questa rimane la mentalità giusta"



by   |  LETTURE 209

Conte: "Questa rimane la mentalità giusta"

Secondo match della fase a gironi e secondo pareggio per l'Inter di Antonio Conte, che occupa per 95 minuti la metà campo dello Shakhtar Donetsk ma non riesce a sfondare il muro ucraino. Due traverse e tante occasioni per i nerazzurri ma allo Stadio Olimpico di Kiev finisce 0-0.

Le parole di Conte

"Le sensazioni sono positive perché la squadra ha giocato con la giusta intensità e con il giusto piglio. Abbiamo fatto la partita, da grande squadra, non siamo stati fortunatissimi.

Abbiamo offerto una buonissima prova in entrambe le fasi, creando grandi problemi allo Shakhtar. Questa è una squadra molto tecnica e veloce, quindi i ragazzi sono stati molto bravi. Dispiace perché avremmo meritato di vincere, però queste prestazioni ci lasciano la consapevolezza di essere sulla strada giusta.

Vogliamo giocarci la partita su ogni campo, senza pensare al valore dell'avversario" "Abbiamo un anno di lavoro alle spalle e la squadra ha acquisito delle conoscenze, prendendo coraggio. Ora difendiamo in avanti, portiamo pressione in ogni zona di campo senza lasciare palla libera agli avversari.

Non ci siamo difesi aspettando di colpire lo Shakhtar in contropiede, quindi non posso che essere soddisfatto. Abbiamo concesso zero, facendo noi la partita. Dispiace perché abbiamo creato tanto ma posso rimproverare poco ai ragazzi, anche perché è la quarta partita in dieci giorni e abbiamo iniziato questo ciclo senza otto giocatori.

Stiamo tenendo botta sotto ogni punto di vista, anche grazie al prezioso lavoro dello staff. Ora testa al campionato, pensiamo al Parma poi prepareremo la partita di Champions League contro il Real Madrid" "Contro il Real Madrid hanno fatto la stessa gara, cercando di fare male in ripartenza.

In quell'occasione sono stati bravi a fare tre gol in contropiede, mentre noi stasera siamo stati compatti e la differenza con la partita di Europa League l'ha fatta solo il non esser riusciti a sfruttare le occasioni create.

Per le loro caratteristiche comunque sono soddisfatto di come hanno lavorato i ragazzi. Questa è la mentalità giusta. Vogliamo imporci su ogni campo e lavoriamo per questo"