Conte: "Noi non ci accontentiamo mai"



by   |  LETTURE 734

Conte: "Noi non ci accontentiamo mai"

Antonio Conte si gode l'arrivo in semifinale di Europa League. "C'è grande soddisfazione da parte mia e dei calciatori. Abbiamo preparato bene la sfida, saltando la loro pressione e non permettendogli di giocare tranquilli.

Bravi i ragazzi a mettere in campo quello che avevamo provato, anche se potevamo stare più tranquilli realizzando le occasioni nitide avute. Però non abbiamo sofferto"

Le parole di Conte

"Ora ci giochiamo una semifinale europea e per questo siamo contenti.

Dobbiamo prepararci bene per il prossimo avversario perché vogliamo fare il massimo in Europa League, arrivando al nostro apice senza rimpianti. Lukaku? Difficile parlare dei singoli dopo una prestazione di squadra importante da parte di tutti.

Romelu sta facendo una grande stagione, ma supportato dalla squadra che fa emergere l'individualità. Le sue caratteristiche - come quelle di Lautaro e Sanchez - sono importanti per noi. Lukaku merita tutto questo, ma è la squadra che lo sta aiutando a farlo rendere come mai in passato"

"Ci sono diverse situazioni di gioco da affrontare. Per fare questo servono giocatori con qualità tecniche importanti, ma provando in allenamento si trova il modo di eludere il primo pressing, trovando campo per verticalizzare e attaccare la profondità lasciata dall'avversario.

Noi contro il Bayer siamo stati bravi a pressare sempre l'avversario, ma anche a scegliere sempre la situazione giusta in uscita nella fase offensiva. Handanovic è molto bravo a fare questo. Analizzeremo le situazioni positive e quelle in cui possiamo migliorare, per crescere e non sbagliare la prossima volta"

Giuseppe Marotta ha parlato di Andrea Pirlo nuovo allenatore della Juventus. "Mi fa piacere perché l'ho avuto da giocatore e lo stimo molto. È una scelta coraggiosa, gli faccio il mio in bocca al lupo"

Eriksen e Sanchez intanto sono finiti in panchina contro il Bayer Leverkusen: "Le partite si giocano ormai in 95-100 minuti, quindi la panchina deve essere assolutamente all'altezza di quelli che vanno in campo, la grande forza di una squadra che vuole vincere è proprio quella di avere una rosa equilibrata nell'organico, dove non ci sono titolari e riserve ma co-titolari.

Noi abbiamo un gruppo di giocatori importanti e quindi anche quelli che sono in panchina non sono relegati lì per punizione, ma per una lettura che l'allenatore dà in relazione allo stato di forma, alle performances, agli avversari, credo ci sia spazio per tutti"

"Il mio desiderio nella notte delle stelle? Che la stella più importante sia quella della squadra, deve cadere come un viatico positivo per tutti, per continuare in questo cammino, in questa crescita che abbiamo sottolineato più di una volta e che ci ha portato all'epilogo di questa manifestazione con grande merito e soddisfazione da parte di tutti" Conte compreso.