Conte: "Mai chiesto alla Juve di Sarri"



by   |  LETTURE 224

Conte: "Mai chiesto alla Juve di Sarri"

Antonio Conte al telefono con l'ANSA si sfoga. "In merito all'articolo uscito oggi su Repubblica.it smentisco categoricamente il fatto di aver sentito dirigenti e giocatori della Juventus chiedendo "ma Sarri lo cacciano?" Querelerò chi ha scritto quest'articolo e il direttore responsabile della testata"

Le parole di Conte

"Ho sposato un progetto triennale con l'Inter e come ho sempre fatto nella mia vita lavorerò duramente e mi batterò con tutte le mie forze e con tutto quello che è nelle mie possibilità affinché sia un progetto vincente"

Antonio Conte ha anche provato a chiudere il sogno Messi. "E' più facile spostare il Duomo che portarlo all'Inter" "Capisco che attaccare me porti pubblicità però mi dispiace perché sento dire a volte delle cose sul lavoro che offendono la professionalità di una persona che ci mette tantissimo con passione.

Mi ha dato fastidio" "A me sembra di essere molto onesto e corretto quando parlo, penso che a volte l'onestà e la correttezza diano fastidio. Capisco che attaccare me porti pubblicità, perché non sono l'ultimo della banda; però mi dispiace perché sento dire a volte delle cose sul lavoro che offendono la professionalità di una persona che ci mette tantissimo con passione.

Cerco sempre di essere un acceleratore nelle situazioni che mi chiamano. A volte ci riesco a volte meno, ma quando si raccontano cose ad arte per attaccare la mia persona dà fastidio e non mi è piaciuto. Io non posso raccontare la storia dell'Inter, sono i giornalisti che riportano i numeri e vedono le partite che dovrebbero farlo.

Io capisco di creare tantissime aspettative, tante cose possono essere condizionate da questo. Qualcuno può pensare che arrivo e come tocco vinciamo: è successo in passato, però..." . "Oggi abbiamo vinto contro una squadra forte, l'unica che ha saputo dare fastidio alla Juventus negli anni, con una rosa di giocatori forti implementata da gente di qualità nell'ultimo anno.

Meriti a noi, non era facile questa partita dopo la vittoria dell'Atalanta. Eri forzato a vincere, ma queste situazioni sono importanti perché stare davanti per il secondo posto e abituarci alla pressione di chi sta dietro è qualcosa di importante.

Oggi abbiamo dato una risposta bella, da squadra che ha affrontato la situazione nel migliore dei modi. Sono felice per i ragazzi. Andiamo ad affrontare una realtà di una squadra che ha implementato giocatori importanti.

Con l'Atalanta è un bel test per capire dove siamo, è bello finire così con questa partita", aveva concluso Conte, prima di chiudere il campionato con una vittoria.