Zanetti: "Europa League prestigiosa"



by   |  LETTURE 239

Zanetti: "Europa League prestigiosa"

Il vice presidente dell'Inter Javier Zanetti ha parlato dopo i sorteggi di Europa Leaague. "Quando arrivi a questo punto tutte le squadre sono molto difficili da affrontare. Per questo noi rispettiamo tutti e ci dobbiamo preparare al meglio"

Le parole di Zanetti

"Il Bayer Leverkusen e il Glasgow Rangers sono squadre che abbiamo già incrociato in passato, in diversi momenti, ma prima dobbiamo superare con una squadra complicata come il Getafe. Dopo tutto quello che è successo al livello mondiale, è una cosa positiva il fatto di poter concludere questa competizione.

È un torneo molto prestigioso, speriamo di arrivare fino in fondo", ha concluso l'ex capitano nerazzurro. Antonio Conte intanto è deluso dopo il pareggio di Verona. "Dal punto di vista della determinazione non ho niente da rimproverare ai ragazzi, perché abbiamo giocato contro una squadra che gioca a ritmi alti.

Abbiamo risposto colpo su colpo, ma c'è il solito rammarico di aver preso gol a cinque minuti dalla fine da un fallo laterale. Dispiace perdere punti per strada, avremmo meritato di vincere la partita" "Noi stiamo lavorando bene con questo gruppo e credo che si veda.

Le statistiche fanno riflettere e ci deve spingere ancora di più a migliorare. Abbiamo perso punti stupidi per strada, altrimenti staremmo parlando di un'altra classifica. Dobbiamo fare meglio, serve esperienza e speriamo che accumulandola si possa fare meglio.

Spesso andiamo in affanno in maniera troppo semplice. Detto questo il Verona nel secondo tempo non ha mai tirato in porta prima del gol" "Mercato? Non rispondo perché altrimenti vengo massacrato. Se devo dire qualcosa dal punto di vista tecnico, a fine stagione farò le mie considerazioni con il club e se dovrò dire qualcosa lo dirò a loro.

A tutti piacerebbe vincere, bisogna capire quanto si è vicini o quanto si è lontani. C'è chi la pensa in un modo e magari altri pensano altro" Il riferimento alla società rappresentata da Zanetti e soprattutto da Marotta è chiaro.