Conte: "Ogni partita è quella della vita"



by   |  LETTURE 239

Conte: "Ogni partita è quella della vita"

Antonio Conte preannuncia turnover per il Sassuolo: "Con questi ritmi e questo caldo siamo forzati a fare rotazioni, non possiamo spremere i giocatori fino a quando non ce la fanno più. Ho fiducia in tutta la rosa, tutti i giocatori devono rispondere presente.

Abbiamo meno margine d'errore di Juventus e Lazio, ogni partita per noi è quella della vita. I conti si fanno a fine campionato ma stiamo ponendo le basi per un'Inter solida anche per il futuro"

Le parole di Conte

"Soprattutto a centrocampo siamo un po' contati visto che anche Vecino è ancora alle prese col fastidio al ginocchio, dovremo fare delle riflessioni.

Ma ho grande fiducia in tutta la rosa. Non sono uno che ama le statistiche, l'importante è che stiano facendo bene il lavoro che gli chiedo e ci auguriamo che continuino così. In carriera mi sono trovato sia in testa sia inseguitore, chiaro che se sei davanti sei padrone del tuo destino e hai più margine di errore, al contrario nostro"

Antonio Conte già dopo la Sampdoria aveva fatto capire di non voler mollare: "Scudetto? Siamo in corsa, vogliamo giocarci tutte le nostre carte. I nostri margini di errore però saranno minimi. Chi è davanti può permettersi qualche passo falso, noi no.

Io dico sempre di ammazzare l'avversario. Basti pensare a quello che è successo contro il Napoli: crei tanto, domini, poi vai a casa e ti criticano. Oggi è successa la stessa cosa. Bisogna essere più cinici e determinati"

"Perché poi subisci un gol e vai in affanno. Questa era una partita vitale, come lo saranno tutte da qui alla fine. Non avremo più spazi per sbagliare. Certo fa parte del percorso di crescita, ma se vogliamo rimetterci in gioco dobbiamo farlo.

Siamo a 6 punti, mica a chissà quanto. Personalità? Non è quello il problema. Bisogna capire che per vincere ci vuole cattiveria, bisogna ammazzare sportivamente l'avversario quando si ha la possibilità di farlo.

A ogni occasione da rete bisogna fare gol" "Eriksen, Lukaku e Lautaro? Sono soddisfatto della loro prestazione, perché abbiamo creato tanto. Penso che possano fare anche meglio però. Eriksen ad esempio poteva fare un paio di gol, serve che sia più cattivo perché ci può dare tanto anche da quel punto di vista"

Conte era tornato a parlare della Juventus. "Se la vedo più vulnerabile? Le avversarie certamente sono più agguerrite e questa pausa ha un po' cambiato le cose. Vedremo che tipo di risposta sapranno dare.

Però per me continua a rimanere una squadra fortissima, abituata a giocare a certi livelli e a gestire determinate partite. La Lazio ha tutte le carte in regola per fare qualcosa di importante, ma noi ci vogliamo inserire e rompere le scatole fino alla fine.

Cambiato idea dopo il lockdown? Dobbiamo per forza pensarla così. Se vogliamo restituire mentalità vincente a questa squadra non possiamo porci limiti. Vogliamo arrivare alla fine senza avere rimpianti"