Marotta: "Lautaro resterà all'Inter"



by   |  LETTURE 282

Marotta: "Lautaro resterà all'Inter"

L'amministratore delegato dell'Inter, Beppe Marotta, è tornato a parlare di Lautaro Martinez. "L'Inter è una società che non intende vedere i propri migliori giocatori, se un giocatore non manifesta la volontà di andare via ce lo teniamo stretto.

E Lautaro Martinez non ha mai manifestato concretamente la volontà di andare via. Sono molto ottimista che possa restare anche l'anno prossimo.È lusingato dall'attenzione dei grandi club. Una piccola tentazione è umana, che sia oggetto di attenzioni di mercato è risaputo, ha fatto una stagione straordinaria, è giovane e ha tante qualità.

Distratto dalle voci? Una partita da sola non fa testo, non va valutato per prestazione fatta con il Napoli ma per quanto fatto prima"

Le parole di Marotta

"C'è un azionista che garantisce stabilità societaria.

La famiglia Zhang dà tutto questo, sta a noi adeguarci alle direttive. I risultati positivi si sono visti dall'arrivo di Conte, ora vogliamo continuare così per toglierci delle soddisfazioni. Ripartenza? La gente vuole tornare alla normalità.

Il calcio è un fenomeno sociale, dobbiamo alleviare la sofferenza che tante famiglie hanno patito. Attraverso il calcio c'è voglia di spensieratezza e felicità. Questo è il motivo principale che ha portato alla ripartenza.

Obiettivo raggiunto anche grazie al lavoro di Gravina e Dal Pino" Antonio Conte intanto non molla: "Scudetto? Siamo in corsa, vogliamo giocarci tutte le nostre carte. I nostri margini di errore però saranno minimi.

Chi è davanti può permettersi qualche passo falso, noi no. Io dico sempre di ammazzare l'avversario. Basti pensare a quello che è successo contro il Napoli: crei tanto, domini, poi vai a casa e ti criticano.

Oggi è successa la stessa cosa. Bisogna essere più cinici e determinati" "Eriksen, Lukaku e Lautaro? Sono soddisfatto della loro prestazione, perché abbiamo creato tanto. Penso che possano fare anche meglio però.

Eriksen ad esempio poteva fare un paio di gol, serve che sia più cattivo perché ci può dare tanto anche da quel punto di vista", le parole di Conte, in simbiosi da anni con Marotta.