Zenga: "Lautaro, il valore non cambia"



by   |  LETTURE 357

Zenga: "Lautaro, il valore non cambia"

Walter Zenga ha parlato di Inter con Tuttosport. "Radja Nainggolan è un giocatore di categoria superiore. A me piuttosto ha stupito il fatto che non sia restato all’Inter. Per me lui, l’ho detto e lo ripeto, è un giocatore da Inter tutta la vita e sappiamo benissimo che a Cagliari è di passaggio: se poi il passaggio dovesse durare un altro anno, beh mi bacerò i gomiti.

In caso contrario, farò sempre il tifo per lui perché, conoscendolo - e non avevo dubbi in proposito - ho trovato proprio una bella persona"

Le parole di Zenga

Capitolo Lautaro, criticato dopo la deludente partita di Napoli.

"Ma questa è la nostra mentalità. Uno può giocar male una partita, ma questo non cambia il suo valore né la sua forza. Io, personalmente, mi fido molto dei miei giocatori, sia che siano in prestito, sia che siano in scadenza di contratto, sia che abbiano il contratto.

Per me se un ragazzino di 17 anni è bravo, gioca. Se un calciatore in scadenza di 35 anni è bravo, gioca. Poi se il 1° di luglio un giocatore verrà a dirmi che, avendo il contratto in scadenza, non vuole più scendere in campo, gli stringerò la mano e vedrò con chi sostituirlo.

Il mercato, a mio avviso, dovrebbe chiudere, come ai vecchi tempi, quando si inizia la stagione. Se poi resta aperto, provo a gestire le varie situazioni" Di quanto successo al San Paolo ha parlato ovviamente anche Antonio Conte.

"Nelle due gare meritavamo molto di più del Napoli. Abbiamo dominato, Ospina è stato il migliore in campo. A livello di prestazione ho pochissimo da rimproverare ai ragazzi. Questa è la strada giusta. abbiamo creato tanto, potevamo essere più cattivi sotto porta ma Ospina ha fatto parate strepitose e ha salvato il risultato", "Il gol subito è una leggerezza da evitare ma questa è la strada che vogliamo e che abbiamo intrapreso, questo è il calcio che vogliamo.

Abbiamo fatto noi la partita in lungo e in largo. Lukaku-Lautaro? Vedo il bicchiere mezzo pieno. Abbiamo creato tanto, Mi dispiace per i ragazzi che meritavano di giocare la finale. Il Napoli ha giocato una partita chiusa, non è mai semplice per i centrocampisti trovare l'imbucata.

Nonostante il loro atteggiamento difensivo abbiamo creato tantissimo. Sono contento per Eriksen, che si sta integrando. Alla fine i numeri dicono che abbiamo tirato 17 volte in porta e il loro portiere ha fatto 10 parate. Questi sono fatti", ha concluso, d'accordo con Zenga.