Moratti sogna Tonali e saluta Lautaro



by   |  LETTURE 329

Moratti sogna Tonali e saluta Lautaro

Massimo Moratti a Sportmediaset ha parlato del mercato dell'Inter. "Tonali? In questo momento forse bisogna vedere come va Eriksen, ma altrimenti è un grande centrocampista Lautaro Martinez? Non puoi frenare qualcuno che ha l'idea di esprimersi anche da un’altra parte.

Quello lo metterebbe in condizione di restare malvolentieri o comunque con una spinta diversa"

Le parole di Moratti

L'ex presidente dell'Inter nel giorno del suo 75esimo compleanno aveva scritto una lunghissima lettera aperta sul sito dell'Inter.

"Non ho mai perso il sonno prima delle partite più importanti ma spesso, quasi sempre, l’Inter è stato l’ultimo mio pensiero prima di addormentarmi. Un pensiero dolce, fatto di fantasie di campo: tratteggiavo nella mente azioni e possibili giocate dei nostri campioni.

Ragionamenti da tifoso, rilassanti. Poi, la mattina, si passava alla dimensione più pratica: scelte, decisioni, impegni. La responsabilità di guidare la società è sempre stata accompagnata dal sentimento nei confronti di questi colori.

E nonostante fossi consapevole che dai risultati dipendeva anche la felicità di tanti tifosi, non ho mai vissuto il mio ruolo come un peso, come qualcosa di faticoso" "È vero, le sconfitte fanno più male di quanto facciano bene le vittorie, perché sono più dure da dimenticare.

Però ho sempre guardato avanti con fiducia. E alle partite ho sempre cercato di esserci: allo stadio non sei solo, in qualche modo puoi cercare di allentare la tensione confrontandoti con gli altri, il contesto aiuta a distrarti un po’ da quello che è il senso della partita.

Seguirle da casa, invece, mi ha sempre costretto a sofferenze extra: intanto perché ti dispiace non essere sul posto. E poi perché non hai nessuno con cui condividere, con cui arrabbiarti. Paradossalmente, arrivavo persino a prendermela con il presidente, quando le cose non andavano bene, come avrebbe fatto un qualsiasi tifoso appassionato, pur sapendo benissimo che il presidente ero io", ha scritto Moratti.