Spalletti: "Inter, i panni sporchi si lavano in famiglia"



by   |  LETTURE 363

Spalletti: "Inter, i panni sporchi si lavano in famiglia"

Luciano Spalletti nella videochiamata trasmessa su Sky ha detto la sua sulla ripresa: "Sarei contento di veder ripartire il nostro campionato, andrà fatto pensando alla gente e a quanto ha sofferto. Il calcio è uno degli strumenti più potenti per tornare alla normalità, la gente preferisce vedere partite di calcio, è l’intrattenimento che viene scelto di più e noi nei limiti della incertezza dobbiamo pensare anche a loro.

Sulla ripresa dipenderà dalla capacità di ognuno di loro di dialogare con il suo corpo in questo periodo. C’è da fare un applauso al personale sanitario, tanto di cappello a medici e a quelle persone per migliorare le cose.

È stata una dimostrazione di cosa significhi lavorare per il bene degli altri”. Il tecnico toscano è poi tornato sulla sua esperienza all'Inter. “Siamo arrivati in fondo con il fiato sul collo di chi restava fuori dalla Champions.

Sono stati emozioni forti, la vittoria a Roma contro la Lazio è stato un momento che mi ha fatto gioire di più. Così come nel derby quando tutti ci davano per spacciati il secondo anno. Rivedere il popolo interista alla Scala del Calcio è stato qualcosa che fa parte di questa stanza perché ci sono ricordi incredibili.

Sottovalutato il mio lavoro? Dispiace se mi dite questo. Il raggiungimento della Champions, dopo lo scudetto è l’obiettivo più importante ed è meglio del vincere una Coppa Italia. Abbiamo avuto difficoltà nello spogliatoio, è vero.

Purtroppo non ho mai fatto usare la squadra per interessi personali dei giocatori. Non ho mai barattato gli obiettivi di squadra per la mia immagine personale. O si fanno le cose in maniera professionale per gli obiettivi oppure ci si mette mano. I panni sporchi si lavano in famiglia, a volte si portano alla lavatrice a gettone”.