In arrivo il canto del cigno per D'Ambrosio?

Lazaro allontana D'Ambrosio dai nerazzurri, scopriamo i dettagli del possibile canto del cigno del terzino italiano

by   |  LETTURE 748
In arrivo il canto del cigno per D'Ambrosio?

Dopo cinque stagioni e mezza finora tra le file dell'Inter, con un rendimento in crescendo, per il laterale Danilo D'Ambrosio, 31 anni il prossimo 9 settembre, potrebbe essere imminente il canto del cigno in maglia neroazzurra.

A riferirlo è torinogranata.it che cita l'arrivo alla Pinetina l'austriaco Valentino Lazaro, classe '96, per cui l'Inter verserà nelle casse dell'Hertha Berlino circa 18 milioni di euro più bonus.

Il giovane leone dalla terra asburgica potrebbe scalzare l'ex-Toro: primariamente un destro, adattatosi spesso anche sulla corsia mancina, quest'ultimo non ha mai suscitato gli entusiasmi di Antonio Conte, che nel suo biennio di reggenza azzurra non lo aveva considerato nemmeno per una convocazione.

Benché la scena italiana, da molti anni, non abbondi di esterni difensivi. Contratto in essere col club meneghino fino al giugno 2021 per D'Ambrosio, 13 milioni di euro la valutazione di Transfermarkt.de: per quanto, in definitiva, alcuni fattori potrebbero orientare il suo prossimo futuro verso un'ulteriore permanenza (la necessità del club di operare su molti altri fronti di mercato; la probabile partenza di Dalbert e il mancato riscatto di Cedric Soares, uniti alla capacità di D'Ambrosio, come detto, di disimpegnarsi su entrambi i versanti del campo; la lunga esperienza all'interno della squadra stessa del giocatore, che lo renderebbe uno degli sherpa incaricati di agevolare l'inserimento dei nuovi), sarebbe oltretutto emerso un interessamento della Roma, che potrebbe portare a uno scambio più o meno alla pari tra l'ex-granata ed Edin Dzeko.

Non moltissimo tempo fa, peraltro, era brevemente circolata l'ipotesi di un suo ritorno al Toro: di un milione e 600 mila euro l'ingaggio attualmente percepito dall'atleta campano, cifra che non supera il salary cap de facto vigente in via Arcivescovado. Ipotesi che però, almeno per ora, non appare percorsa da alcuna delle parti in causa.