Guardiola: "Saimo delusi, ci riproveremo"



by   |  LETTURE 186

Guardiola: "Saimo delusi, ci riproveremo"

Il tecnico del City Pep Guardiola analizza la sconfitta contro il Lione e la conseguente eliminazione nei quarti di Champions League.

Le parole di Guardiola

"Per 20-25 minuti abbiamo faticato a trovare i nostri spazi per attaccare in modo più solido.

Nell'ultima parte del primo tempo siamo andati meglio ma in questo tipo di competizione devi essere perfetto e non lo siamo stati. Adesso siamo delusi, ci riproveremo e un giorno ci riusciremo a superare questo scoglio.

Il loro secondo gol? Non voglio parlare di Var, altrimenti sembra che io cerchi delle scuse. Avevo la sensazione che fossimo pronti ma non abbiamo fatto abbastanza. Abbiamo commesso errori quando attaccavamo nei momenti chiave e provato a coprire i nsotri punti deboli.

Ma ne sono usciti i loro punti forti. L'errore di Sterling? In partite del genere non puoi commettere certi errori..." . Un'eliminazione a sorpresa che fa il paio con quella della Juventus, sempre per mano del Lione, costata la panchina a Maurizio Sarri.

"Abbiamo fatto una grande partita, mi aspettavo meno dai miei ragazzi. Purtroppo siamo andati sotto con un rigore così che poteva farci perdere la testa. Abbiamo dato tutto avendo anche diverse occasioni per il 3-1.

Siamo usciti per il primo tempo giocato male a Lione, con sei vittorie, un pareggio e una sconfitta in Champions siamo fuori. Abbiamo fatto una buona partita, con Dybala e Douglas Costa avremmo avuti armi in più"

"Abbiamo messo sotto il Lione e la squadra ha risposto bene anche in questo caso. Veniamo da un momento difficile con mesi in casa, giocatori in quarantena e poi tantissime partite in poco tempo. Non era facile arrivare al top in questo punto della stagione, ma ho visto una squadra ricaricata in campo.

I ragazzi hanno risposto bene e se tolgo l'amarezza per la eliminazione per la prestazione sono molto contento" "Questa è una caratteristica che ci portiamo dietro da tempo, ma le occasioni le abbiamo avute.

Non è un problema che riguarda solo questa sfida perché un attaccante si decentra, l'altro viene indietro e facciamo fatica. Dybala? Dovevamo rischiare per provare a passare il turno. Cuadrado non stava bene in campo, non avevo Douglas Costa e ho dovuto anticipare l'ingresso di Paulo. Era un rischio che dovevo prendermi" Ha concluso Sarri, eliminato al pari del collega Guardiola.