Klopp: "La terza volta è quella buona"

Il tecnico del Liverpool ha rilasciato un'intervista al sito ufficiale dell'Uefa.

by   |  LETTURE 336
Klopp: "La terza volta è quella buona"

In attesa della conferenza stampa ufficiale del Liverpool, il tecnico dei Reds Jurgen Klopp ha rilasciato un'interessante intervista al sito ufficiale dell'Uefa. Cominciando a parlare dei tatticismi da scegliere, Klopp ha risposto così: "Liverpool e Tottenham si conoscono molto bene.

Oltre a ciò, è una finale e hai un avversario che devi preparare osservando i loro punti di forza e di debolezza. Questo è quello che devi fare, in modo che non sia diverso da qualsiasi altro finale. Lo sappiamo già, quindi perché dovremmo pensarci troppo? Se siamo davvero al nostro massimo livello, siamo una squadra difficile da affrontare, ma sappiamo anche che il Tottenham lo è.

In Germania abbiamo un detto: "Tutte le cose migliori arrivano a tre" A Mainz, ho perso la promozione due volte e siamo stati promossi nella terza stagione. Speriamo che si ripeterà per la Champions League."

Sulla sua capacità di inserire i suoi ideali nel Liverpool: "I giocatori sapevano già dopo cinque giorni quali erano le mie idee. Era chiaro che i giocatori mi conoscevano e conoscevano bene il mio Dortmund.

Ecco perché era chiaro come volevamo giocare, ma non volevamo spingere tutto in questa direzione fin dall'inizio. Le cose vanno fatte con calma. Volevamo utilizzare le qualità dei giocatori e dare loro più fiducia possibile, così da capire che erano i giocatori giusti per giocare nel Liverpool."

Dopo di che, si è parlato delle scelte che hanno influenzato la carriera del tecnico tedesco: "Il Mainz 05 ha avuto la più grande influenza su tutta la mia vita e quindi carriera. Sono stato lì per 18 anni e ha avuto un grande impatto su di me.

L'ho detto molto, ma sono felice di insistere: Wolfgang Frank, ex allenatore del Mainz, ci ha influenzato tutti. E' stato l'uomo che ha portato il calcio ad un altro livello per noi." Infine, si è parlato di un tema molto caldo nel mondo del calcio, cioè la diversità presente in questo ambiente: "Il calcio è sempre stato multiculturale nel miglior modo possibile e mi è sempre piaciuto.

Se il tuo approccio rimane lo stesso di quando sei cresciuto, non puoi davvero beneficiare degli altri intorno a te. Ma quando persone provenienti da tutto il mondo si uniscono e mescoli culture diverse e personalità diverse, può uscire qualcosa di veramente grande da questo. E' ciò che ho sempre amato nel mondo del calcio."