La parabola di Lady Schillaci: dalle copertine a senzatetto

La Repubblica svela una storia che ha dell’incredibile

by   |  LETTURE 5327
La parabola di Lady Schillaci: dalle copertine a senzatetto

Negli Anni ’90 Rita Bonaccorso faceva parte di quelle che oggi chiameremmo wags (wifes and girlfriends), cioè quella nutrita flotta di compagne di calciatori sempre bene in vista sugli spalti e spesso sui giornali patinati.

Era la moglie di uno dei giocatori più in vista del momento, quel Salvatore Schillaci che proprio nel ’90 fu ad un passo da trascinare l’Italia in finale dei mondiali giocati in casa. Oggi, però, la signora Bonaccorso, ormai 48enne, non se la passa benissimo.

A raccontare la sua storia, infatti, è La Repubblica: praticamente sfrattata dalla sua villa di Palermo reminescenza degli anni d’oro, perché pignorata per un’accusa di truffa: “Credono che io sia "socia apparente" di una gioielliera che comprò da una ditta svizzera anelli, bracciali, diamanti e rubini per 390 milioni di lire senza mai saldare il conto – si difende - "Io non c'entro niente con questo fallimento, non c'entro niente con questa storia, non sono mai stata socia di nessuno”.

Ma intanto è costretta a dormire in tenda fuori dai cancelli nella speranza di attirare l’attenzione sul suo caso…