Squalifica record per un giocatore: 99 anni

Tornerà a giocare quando avrà 129 anni. Guardate cos'ha combinato...

by   |  LETTURE 7563
Squalifica record per un giocatore: 99 anni

Squalificato a vita? Quasi. Può succedere anche questo ad un calciatore professionista. Picchiando un arbitro o uno dei suoi collaboratori, ad esempio, da regolamento si rischia di essere radiati e di non poter più giocare a pallone in nessuna categoria.

Nemmeno in quelle dilettantistiche. Ed è quello che ha rischiato Atef Abu Bilal. La sua colpa? Quella di essere tesserato per due squadre. Scritturato da una società di quinta serie israeliana, lo Segev Shalom, il giocatore è stato beccato mentre giocava a calcio anche con una squadra palestinese.

La “furbata” non è per nulla piaciuta ai dirigenti della federazione d’Israele che, una volta accertata l’appartenenza a due società di altrettante nazioni diverse, è stato squalificato per ben 99 anni.

E pensare che, secondo quanto si apprende da Gazzetta.it, poteva andargli peggio: rischiava di essere radiato a vita, ma il computer non aveva in memoria una squalifica maggiore e la federazione s’è dovuta “accontentare”.

Il centrocampista palestinese classe 1984 potrà quindi tornare a giocare quando avrà 129 anni.