Un giovane astro nascente: Rodrygo.

Hazard e Jovic non rispettano le aspettative, Rodrygo invece le supera.

by   |  LETTURE 243
Un giovane astro nascente: Rodrygo.

Sono tempi duri al Real Madrid, il quale dopo la pessima stagione passata, quest'anno pare stia provando a rilanciarsi in Liga, dove al momento si trova a pari punti con un altrettanto non splendido Barcellona, e in Champions League, torneo che ha visto vincitori proprio i Galacticos quattro volte negli ultimi sei anni, che dopo un inizio poco entusiasmante, sperano di poter fare meglio dell'anno scorso, quando vennero asfaltati dall'Ajax del calcio totale.

Tra le poche note positive di questi ultimi mesi, troviamo Rodrygo Goes. Il brasiliano classe 2001 era stato acquistato dal Real Madrid nel Giugno 2018, rimanendo in prestito un anno alla squadra in cui è cresciuto, il Santos, prima di passare in Spagna questa Estate.

Il debutto in maglia blancos è arrivato il 25 Settembre contro l'Osasuna, subentrando a Vinicius Jr. e siglando il gol del definitivo 2 a 0. In Champion's League invece, dopo la panchina contro il PSG e la mancata convocazione alla seconda partita contro il Club Brugge, gioca 82 minuti nella sfida contro il Galatasaray all'andata, al ritorno invece si dimostra autentico mattatore con tre gol e un assist.

Con questa tripletta diventa il secondo marcatore più giovane nella storia del Real Madrid nella competizione europea, dietro solo a un certo Raul; ed inoltre, è sua la doppietta più veloce della storia(sempre in Champion's): gli sono bastati infatti solo 6 minuti e 14 secondi per bucare due volte la rete di Muslera.

Questi però non sono gli unici record detenuti dal giovane attaccante madrileno; se decidessimo di tornare indietro al suo periodo in maglia bianconera del Santos, Rodrygo risulta essere il più giovane debuttante nella storia del club in Copa Libertadores e, grazie alla rete messa a segno contro il Nacional, è di conseguenza il più giovane brasiliano della storia a segnare nella competizione.

Quest'Estate il Real Madrid ha sborsato quasi 200 milioni per portare in Spagna Eden Hazard, da sempre pupillo di Florentino Perez, e Luka Jovic, protagonista di un'ottima stagione passata con l'Eintracht Francoforte che ora sta deludendo le aspettative, ma è Rodrygo che al momento porta sulle spalle il peso dell'attacco madrileno.

I Galacticos avevano necessità di un ricambio generazionale, e il classe 2001, con il suo talento, può essere il punto di partenza. Zidane ha già molta fiducia in lui, sottolineando come abbia personalità e spalle larghe. Il talento c'è, la fiducia anche: ora spetta al giovane Rodrygo mantenere le promesse.