Un giovane astro nascente: Joao Felix.

Dalle giovanili del Porto, passando per il Benfica, fino all'Atletico Madrid, la crescita della nuova stella portoghese.

by   |  LETTURE 234
Un giovane astro nascente: Joao Felix.

Quando la cifra di trasferimento di un giocatore da una squadra all'altra si aggira sui 126 milioni di euro, rendendolo il quarto calciatore più pagato di sempre, è normale che le aspettative su di esso siano altissime.

Soprattutto quando sei considerato l'erede di una leggenda come Rui Costa. L'Atletico Madrid, evidentemente, era certo che le attese non sarebbero state deluse quando decise di rendere Joao Felix parte del proprio organico.

Joao Felix Sequeira nasce a Viseu il 10 Novembre 1999, iniziando la sua carriera calcistica nel Porto, trasferendosi poi al Benfica nel 2015, passando così da entrambe le squadre che annualmente danno vita al O' Clássico.

Nell'Agosto 2018 debutta in prima squadra dopo tre anni di gavetta fra giovanili e seconda squadra delle As Águias, facendo subito parlare di sé. Il primo gol arriva il 25 Agosto nella grande sfida portoghese fra il Benfica e lo Sporting CP, alla terza giornata di campionato.

Per la prima doppietta invece dovrà attendere la sfida del 6 Gennaio 2019 contro il Rio Ave, contribuendo alla vittoria per 4-2 del Benfica. In Europa fece vedere il meglio di sé nell'andata dei quarti di finale di Europa League contro i tedeschi dell'Eintracht Francoforte, mettendo a segno 3 gol e 1 assist.

Sfortunatamente, questo enorme contributo non portò i portoghesi in semifinale, avendo poi perso la sfida di ritorno per 2-0. Nonostante la giovane età, la prima stagione del talento portoghese fra i grandi non fu affatto male, concludendo con 20 gol e 11 assist in 43 presenze.

Il suo passaggio ai Colchoneros nell'Estate 2019 fece grande scalpore data la cifra pagata dagli spagnoli. Il compito del portoghese non sarà affatto facile, avendo il dovere di non far rimpiangere Antoine Griezmann, ma per ora, con 3 gol e 1 assist in 10 presenze e un tunnel a Sergio Ramos, sta dimostrando che forse la dirigenza dell'Atletico Madrid non ha sbagliato a puntare su di lui, sul giovane talento proveniente da Viseu.