Un giovane astro nascente: Kai Havertz.

Ora in forza al Bayer Leverkusen, in futuro chi lo sa. Per il momento si impegna a far gioire i tifosi delle "aspirine".

by   |  LETTURE 264
Un giovane astro nascente: Kai Havertz.

Non è mai facile quando il proprio nome, in ambito calcistico, viene accostato al nome di leggende o giocatori che attualmente sono considerati fra i migliori al mondo nel loro ruolo. Kai Havertz, trequartista tedesco in forza al Bayer Leverkusen, pare non abbia accusato il peso delle pressioni.

I giocatori a cui viene ricondotto il giovane trequartista sono Michael Ballack e Mesut Ozil, di certo non gli ultimi arrivati nel mondo del pallone. Kai però sta dimostrando che i paragoni, seppur prematuri, non sono così esagerati come si pensa.

La sua crescita è avvenuta al Leverkusen, dalle giovanili all'età di 11 anni, fino ad oggi, in prima squadra, a 20 anni. Il debutto in Bundesliga è avvenuto a 17 anni, il 15 Ottobre 2016 contro il Werder Brema.

Un debutto amaro, data la sconfitta della sua squadra. Nonostante il risultato negativo non sia stato un bel biglietto da visita per Havertz nel mondo dei “grandi”, col tempo ha cominciato a ritagliarsi i suoi spazi, aumentando sempre di più il minutaggio in campo.

L'attesa per il gol terminò poco prima della fine dell'anno, quando il 21 Dicembre segnò nella sfida casalinga contro il Colonia, portando un punto e un gol a casa, dato il pareggio fra le due squadre.

La prima doppietta giunse nella sfida contro l'Augusta il 17 Febbraio 2017, portando il Bayer alla vittoria per 3 a 1. La stagione per il giovane tedesco si concluse anche con 3 presenze in Uefa Champions League, oltre alle continue ottime prestazione in Germania, con 4 gol e 6 assist al primo anno fra i professionisti.

Leggermente più acerbi i 12 mesi successivi in termini di collettivo, dove il Leverkusen non partecipò alle coppe europee, ma Kai riuscì comunque nel suo lavoro, ovvero fornire assist per i compagni di squadra; compito che eseguì egregiamente nella sfida contro il Borussia Monchengladbach, dove fu lui a servire 3 dei 5 palloni decisivi che terminarono in rete, per una sfida conclusasi con 4 gol di distanza, un 5-1 dove Havertz fece vedere tutta la sua classe.

Tuttavia, se ci sia necessità di trovare un'annata in cui Kai Havertz possa essere considerato esploso, è la 2018-2019, dove mise a segno 20 gol e fornì 7 assist fra campionato e Europa League, prendendosi le luci della ribalta e attirando su di sé le attenzioni di squadre come Juventus e Real Madrid.

Quest'anno può essere considerato quello della consacrazione per Kai Havertz, il quale ha ricevuto elogi anche dall'allenatore bianconero Maurizio Sarri. Un trequartista nuova scuola, dotato di tecnica e fisicità, di fiuto del gol e anche di assist; capace di giocare anche come esterno d'attacco; capace di infrangere il record come più giovane debuttante nella storia del Bayer Leverkusen e più giovane marcatore nella storia del club.

Forse paragonarlo a Ballack non è così sbagliato, in fondo le qualità sta dimostrando di averle. Potrà fare la storia della Germania; nel mentre fa la storia del Bayer Leverkusen. Un grande in bocca al lupo a Kai Havertz, un giovane astro nascente.