VIDEO

VIDEO - Maradona beccato mentre picchia l'ex fidanzata

Andrea Bonino - 28-10-2014 - Letture: 3840

Denunciato dalla compagna

VIDEO - Maradona beccato mentre picchia l'ex fidanzata

“Il lupo perde il pelo ma non il vizio” verrebbe da dire. Nonostante un’operazione al fegato, nonostante i numerosi ricoveri per livello alcolemico troppo alto e i numerosi litigi dovuti proprio all’abuso di alcool, Diego Armando Maradona non ha smesso di bere. Una cosa che lo rende violento come già successo in passato, tra denunce delle sue ex, mogli o compagne, e/o di maltrattamenti (come quella volta nel 2006 quando, mentre si trovava in vacanza in Polinesia, fu accusato di aver rotto un bicchiere in testa ad una donna, colpevole di aver avuto un alterco con sua figlia Gianinna: la questione venne risolta con un accordo tra le parti, ndr).

El Pibe de Oro continua ad essere schiavo del “bicchiere”. E non sono solamente voci di corridoio. Ci sono le prove. La sua attuale compagna, Rocio Oliva, stufa dei continui maltrattamenti, gli ha teso una trappola filmandolo. Nel video, diffuso da “Canal 13TV” si vede l’ex fenomeno del Napoli alzarsi barcollante dal divano con il bicchiere in mano. Una volta avvicinatosi alla donna l’ha colpita biascicando qualcosa in spagnolo.

L’ennesima follia di “Dieguito” che, denunciato dalla stessa Rocio Oliva, ha tentato di smentire l’accaduto: «Abbiamo avuto una discussione perché lei era sempre attaccata al cellulare. Gliel’ho strappato di mano e l’ho buttato via, ma giuro che non ho mai alzato le mani su di lei». Peccato che le immagini si commentino da sole.



Articoli correlati
Nome e Cognome
Email valida
Username
Password
* Cliccando su REGISTRATI accetti le nostre regole sulla privacy
ATTENZIONE: controllare sempre la cartella spam nella casella di posta, inquanto è possibile che alcuni provider inseriscano automaticamente la mail di attivazione in questa cartella.

CHIUDI
X

Password dimenticata ? Inserisci il tuo indirizzo email e ti invieremo i dati di accesso

Email valida
ATTENZIONE: controllare sempre la cartella spam nella casella di posta, inquanto è possibile che alcuni provider inseriscano automaticamente la mail di attivazione in questa cartella.

CHIUDI
X
Powered by: World(D) 1.6