NEWS

Garcia furioso con i suoi: pagano in tre

Andrea Bonino - 08-12-2014 - Letture: 10460

Azione punitiva del tecnico della Roma contro il City

Garcia furioso con i suoi: pagano in tre

A Rudi Garcia non è assolutamente andata giù la prestazione dei suoi contro il Sassuolo. La Roma aveva un match ball decisivo per il campionato dopo il pareggio della Juventus a Firenze e l’ha sprecato scendendo in campo con presunzione e rosicchiando un miracoloso pareggio grazie anche a qualche aiutino arbitrale. Sul banco degli imputati sono finiti tutti i giocatori, tre in particolare.

Morgan De Sanctis, Daniele De Rossi e Juan Iturbe. Il primo ha permesso a Zaza di realizzare il vantaggio degli emiliani con una topica clamorosa, una delle tante in questa stagione in cui l’ex portiere del Napoli non sta rendendo secondo le aspettative. Il secondo, invece, s’è fatto espellere in seguito a due falli ingenui che hanno lasciato i giallorossi in 10 nel momento cruciale del match. Il terzo, invece, deve resuscitare per tornare ad essere il giocatore devastante visto a Verona.

Ecco perché il tecnico romanista sta pensando di lasciare tutti e tre in panchina nella sfida decisiva di Champions League di mercoledì sera contro il Manchester City. Ma non saranno gli unici. Garcia cambierà ben 6 undicesimi rispetto alla sfida contro il Sassuolo mettendo in campo la 20ima formazione diversa della stagione.  

Articoli correlati
Nome e Cognome
Email valida
Username
Password
* Cliccando su REGISTRATI accetti le nostre regole sulla privacy
ATTENZIONE: controllare sempre la cartella spam nella casella di posta, inquanto è possibile che alcuni provider inseriscano automaticamente la mail di attivazione in questa cartella.

CHIUDI
X

Password dimenticata ? Inserisci il tuo indirizzo email e ti invieremo i dati di accesso

Email valida
ATTENZIONE: controllare sempre la cartella spam nella casella di posta, inquanto è possibile che alcuni provider inseriscano automaticamente la mail di attivazione in questa cartella.

CHIUDI
X
Powered by: World(D) 1.6