NEWS  

Rivoluzione Milan: piu' di 20 in partenza! E Destro...

Alessandro Cosattini - 04-03-2015 - Letture: 2205

In casa rossonera si preannuncia un'estate bollente tra partenze ed arrivi


Come riporta l’edizione odierna della Gazzetta dello Sport l’allarme sui motivi della crisi era stato lanciato dal secondo allenatore del Milan qualche settimana fa: “Non si può ripartire sempre da zero”, queste parole erano riferite alla pianificazione estiva, che nell’ultima occasione ha portato a 12 acquisti e 18 cessioni tra fine prestiti e fine contratto. Nonostante le parole di Tassotti la prossima estate si preannuncia uno scenario simile, o addirittura più dirompente: la squadra non ha ottenuto i risultati sperati e quindi occorre cambiare. 

La società ha iniziato a muoversi già a gennaio per portare in rossonero Baselli. Non sarà facile, ma Galliani sembra essere sulla buona strada e sarebbe buon tassello per iniziare la rivoluzione. Tutto dipende però dal futuro allenatore del Milan: al momento le chance che sia ancora Inzaghi sono davvero poche, quasi pari a zero. E tutto dipenderà anche dall’identità del presidente del Milan: sarà ancora Berlusconi? Per iniziare una rivoluzione servono soldi, e ne servono molti. Bisogna rifondare la difesa e capire chi sarà il centravanti: Destro piace, ma per il suo riscatto servono ben 16 milioni, una cifra di tutto rispetto. Galliani negli ultimi anni ha provato a migliorare la squadra con i parametri zero, una via sempre percorribile, ma è impensabile rivoluzionare a gratis.

Ad ogni modo la rosa attuale è di 31 elementi e quindi andrà sfoltita: 7 di questi sono in scadenza (Abate, Abbiati, Bonera, De Jong, Essien, Mexes, Pazzini). Di questi dovrebbero rinnovare Abate, Abbiati e Bonera, tre senatori della squadra. I fine prestito sono quattro: Van Ginkel, Armero, Bocchetti e Destro. Il primo tornerà al Chelsea, il secondo all’Udinese, sul terzo ci sono molti dubbi e della questione Destro si è già parlato in precedenza. In difesa, in ottica rinnovamento, saranno da valutare le posizioni di Alex, Rami e Zapata. In attacco El Shaarawy non è più incedibile e vista la sua giovane età potrebbe portare buone liquidità in casa rossonera. 

Lo zoccolo da cui ripartire sembra essere chiaro, e prevalentemente italiano: Abbiati, Bonera, Abate, Bonaventura, Poli, Montolivo, De Sciglio, Paletta, Cerci e Antonelli (per cui c’è obbligo di riscatto). Oltre a loro dovrebbero rimanere quasi sicuramente Diego Lopez, una delle uniche note liete della stagione rossonera, Menez, genio e sregolatezza, ancora troppo discontinuo, e Honda, che prima della Coppa d’Asia ha mostrato ottime giocate.  Sembrano destinati a partite Agazzi, Albertazzi, Zaccardo e Muntari. A quest’ultimo non sono stati perdonati determinati comportamenti. Infine c’è il capitolo prestiti: rientreranno alla base Niang, Nocerino, Saponara, Birsa, Gabriel e Vergara. La rivoluzione in casa rossonera “s’ha da fare”.

Nome e Cognome
Email valida
Username
Password
* Cliccando su REGISTRATI accetti le nostre regole sulla privacy
ATTENZIONE: controllare sempre la cartella spam nella casella di posta, inquanto è possibile che alcuni provider inseriscano automaticamente la mail di attivazione in questa cartella.

CHIUDI
X

Password dimenticata ? Inserisci il tuo indirizzo email e ti invieremo i dati di accesso

Email valida
ATTENZIONE: controllare sempre la cartella spam nella casella di posta, inquanto è possibile che alcuni provider inseriscano automaticamente la mail di attivazione in questa cartella.

CHIUDI
X
Powered by: World(129)