NEWS

Primi scricchiolii tra Inzaghi e Berlusconi

Andrea Bonino - 29-10-2014 - Letture: 2021

Il tecnico rossonero “bacchetta” il presidente e pure El Niño

Primi scricchiolii tra Inzaghi e Berlusconi

E’ una vita che in casa Milan si mormora che alla fine la formazione che scende in campo la sceglie il presidente Berlusconi in persona. Cambiano gli allenatori ma la solfa è sempre la stessa: è il padrone che decide. Filippo Inzaghi ammette la cosa in parte, ma "bacchetta" il numero uno rossonero precisando con forza: «Io ascolto i consigli ma poi sono io a scegliere e a prendere le decisioni. Io ascolto il presidente: parlo sempre con lui, lo sento spessissimo. Ci espone le sue volontà. E’ la sua forza trascinante».

Chiaro, preciso e deciso l’allenatore rossonero che da “figliol prodigo” durante la conferenza stampa di vigilia pre-Cagliari si trasforma in “serpe in seno”: «Il presidente vuole un vero centravanti in campo? Torres ha giocato tanto e col Cagliari farò dei cambi. Nelle ultime partite lo spagnolo ha praticamente sempre giocato: quattro volte su cinque. Per cui finora sono sempre state le serate di Torres. Io ho un solo parametro per decidere chi mandare in campo: l’allenamento. Ogni giocatore è padrone del proprio destino, dipende da quello che fa». Altra stoccata a chi, come El Niño, chiede di giocare di più.

 

Articoli correlati
Nome e Cognome
Email valida
Username
Password
* Cliccando su REGISTRATI accetti le nostre regole sulla privacy
ATTENZIONE: controllare sempre la cartella spam nella casella di posta, inquanto è possibile che alcuni provider inseriscano automaticamente la mail di attivazione in questa cartella.

CHIUDI
X

Password dimenticata ? Inserisci il tuo indirizzo email e ti invieremo i dati di accesso

Email valida
ATTENZIONE: controllare sempre la cartella spam nella casella di posta, inquanto è possibile che alcuni provider inseriscano automaticamente la mail di attivazione in questa cartella.

CHIUDI
X
Powered by: World(D) 1.6