NEWS

Milan, Berlusconi: 'Cessione dolorosa ma inevitabile'

Gatto Luigi - 06-08-2016 - Letture: 780

La lunga e storica giornata del Milan non poteva che chiudersi con le parole del presidente più vincente della storia del calcio mondiale.

Milan, Berlusconi: 'Cessione dolorosa ma inevitabile'

La lunga e storica giornata del Milan, passato dalle mani di Silvio Berlusconi a quelle della società cinese Sino-Europe Sports Investment Management Changxing Co.Ltd che ha rilevato il 99,93% delle quote per 740 milioni più i 220 circa di debiti, non poteva che chiudersi con le parole del presidente più vincente della storia del calcio mondiale.

Facile immaginare i tormenti che hanno attraversato la notte dell’ex Premier prima di apporre la fatidica firma che chiude un’era della storia dello sport, ma del resto l’ineluttabilità del passo era scritta e la decisione inevitabile.

Se a sancirla sia stata la “moral suasion” dei figli oppure più semplicemente una resa personale di fronte all’impossibilità di riportare il Milan ai fasti di un tempo è un dettaglio, spiegato però neppure troppo implicitamente dalle parole che Berlusconi ha reso in serata all’agenzia Agi: “La cessione del Milan è una scelta dolorosa ma necessaria. Ho rinunciato a una parte del valore purché ci fosse l'impegno a investire. Era diventato impossibile stare dietro a certe cifre nel mercato mondiale".

Visualizza l'immagine su TwitterVisualizza l'immagine su Twitter
Secondo l’ex presidente quindi il valore del Milan sarebbe anche superiore al prezzo di cessione (chissà cosa pensano Yonghong Li, Han Li & c), di sicuro la cifra strappata è di tutto rispetto pensando alla lunga lontananza dai vertici del calcio italiano e internazionale, a un parco giocatori non di primo livello e all’assenza di beni immobili, a partire dallo stadio. 

Intanto emergono altri particolari: i 740 milioni più debiti verranno irrorati nelle casse del club in tre fasi, la prima entro 35 giorni (la famosa caparra da 100 milioni, 15 dei quali immediati), la seconda a setembre e la terza a novembre. Il closing verrà sancito ufficialmente il 1° gennaio 2017, giorno in cui l'intero pacchetto delle azioni del Milan passerà al gruppo cinese. 

A quel punto si procederà alla nomina del nuovo consiglio di amministrazione e alla nomina del nuovo gruppo dirigente, ​al quale apparterrà anche Marco Fassone nel ruolo di amministratore delegato e direttore generale. Sembra quindi implicito che il 31 dicembre 2016 possa essere l’ultimo giorno di Adriano Galliani al Milan, atteso però nelle prossime settimane dagli ultimi fuochi di mercato.

Nei prossimi 5 mesi infatti tutto ciò che graviterà attorno alla società dovrà essere condiviso dalle due “anime” del club. Il 23 dicembre ad Abu Dhabi si giocherà la Supercoppa Italiana contro la Juventus, rivale di tante sfide. Fin troppo facile immaginare quale regalo vorrà Silvio per Natale, e per l’addio.

Nome e Cognome
Email valida
Username
Password
* Cliccando su REGISTRATI accetti le nostre regole sulla privacy
ATTENZIONE: controllare sempre la cartella spam nella casella di posta, inquanto è possibile che alcuni provider inseriscano automaticamente la mail di attivazione in questa cartella.

CHIUDI
X

Password dimenticata ? Inserisci il tuo indirizzo email e ti invieremo i dati di accesso

Email valida
ATTENZIONE: controllare sempre la cartella spam nella casella di posta, inquanto è possibile che alcuni provider inseriscano automaticamente la mail di attivazione in questa cartella.

CHIUDI
X
Powered by: World(D) 1.6