NEWS

Balotelli si è ripreso il Milan? Brocchi lo coccola, ma il Monaco…

Federico Coppini - 21-04-2016 - Letture: 1082

Balotelli si è ripreso il Milan? Brocchi lo coccola, ma il Monaco…

Per qualcuno ha avuto fin troppe chance, per altri, invece, Mario Balotelli merita altre opportunità di mettere in mostra il suo talento che non può essere quello visto nelle ultime stagioni. Dimenticato, forse. Più probabilmente solo messo da parte dal Milan, fino a quando riuscirà a ritrovare se stesso sull’orlo dell’abisso dell’anonimato.

Forse, proprio il timore di vedere la propria carriera crollare ha restituito le giuste motivazioni all’attaccante in forza al Milan. Le ultime prestazioni contro la Juventus, dove è stato fermato solo da un Gigi Buffon in formato leggenda, e nella difficile trasferta di Genova contro la Sampdoria, tra i migliori in campo per intensità e spirito di sacrificio, sono eloquenti in tal senso.

L’a.d. rossonero Adriano Galliani, che ha creduto in lui accettando la proposta dell’agente Mino Raiola, lo ha acquistato la scorsa estate con la formula del prestito e con le sue ultime dichiarazioni ha psicologicamente scosso Balotelli, che si gioca il suo futuro al Milan in questo finale di stagione.

Troppo discontinuo e troppo apatico è apparso Balotelli fino a due settimane fa: le statistiche e i numeri parlano chiaro, solo 1 gol e 1 assist nelle 15 presenze in campionato, ai quali si aggiungono le due partite disputate in Coppa Italia, dove Mario ha segnato due gol, di cui uno su calcio di rigore.

L’ex tecnico Sinisa Mihajlovic aveva parlato con l’allora attaccante dei Reds la scorsa estate prima del suo acquisto, fu convinto dalle parole di Mario, lo vide più maturo come uomo, non più una mela marcia, ma si sa che i fatti e le parole stanno a distanza siderale. In campo Mario è risultato talvolta impalpabile se non evanescente, costringendo Sinisa a ridurre drasticamente le sue apparizioni in campo da giocatore rossonero.

Qualcosa però è cambiato nelle ultime due settimane con l’arrivo del nuovo allenatore, Cristian Brocchi, ex tecnico della Primavera e degli Allievi, promosso dal presidente Silvio Berlusconi come allenatore della prima squadra. C’è ancora tempo per scoprire se è solo un fuoco di paglia oppure se Balotelli sia davvero tornato ad essere quel giocatore decisivo, come lo è stato nel 2012-2013, quando portò i rossoneri ad un incredibile terzo posto sotto la direzione di Massimiliano Allegri, al termine di una rimonta quasi epica, e l’Italia a giocarsi la finale degli Europei nell’estate del 2012, persa contro la Spagna campione di tutto.

Altri tempi, ma possono tornare continuando a mostrare questa attitudine verso un tatticismo prim’ora a lui sconosciuto. C’è il futuro in gioco, che può essere di conferma in rossonero. Ma non è da escludere che Balotelli possa trovare una sistemazione anche altrove, magari sfruttando le capacità di persuasione del proprio procuratore, un vero e proprio maestro nell’arte del calciomercato e della compravendita dei propri assistiti.

La certezza è una sola: Jurgen Klopp non lo rivuole al Liverpool per nessuna ragione al mondo. Il manager tedesco sta ricostruendo dalle fondamenta per creare un grande futuro, nel quale non fa parte Balotelli, che sarà in cerca di una nuova destinazione. La speranza dell’attaccante è essere confermato dal Milan, che non ha la possibilità di riscattarlo automaticamente, vista l’assenza di un diritto di riscatto nel contratto firmato con il club inglese, ma può trattare il suo acquisto ex novo, come stabilito con i Reds attraverso un agreement’s gentlemen.

In realtà, ci sarebbero anche altre ipotesi. La prima è la possibilità di rescissione del contratto in essere con il Liverpool. In questa direzione si sta muovendo Raiola, ma è difficile da concretizzare, visto che Balotelli ha un contratto fino al 2018 da circa 6 milioni di euro netti a stagione. Tanti, forse troppi per trovare un equo accordo tra le parti, ma forse l’unico modo per convincere il Milan a puntare ancora su di lui, al di là delle prestazioni che il giocatore offrirà in questo finale di stagione e del raggiungimento dell’obiettivo sesto posto e della conquista della Coppa Italia.

Più facile, invece, la seconda ipotesi, che porta ad una cessione ad un altro club. C’è già una squadra interessata, si tratta del Monaco. Il club monegasco, che proverà a concludere la stagione conquistando il secondo posto della Ligue 1, padroneggiata in lungo e in largo dal PSG dei record, avrebbe già avviato contatti con il Liverpool e lo stesso agente di Balotelli. La trattativa sarebbe nella fase embrionale, ma potrebbe subire una forte accelerazione qualora l’attaccante accettasse la destinazione, sicuramente gradita per motivi economici ed ambientali, ma non la primissima scelta in assoluto per motivi sportivi.

Voci, ipotesi, tra le certezze di una realtà ancora in divenire. E’ Balotelli l’unico artefice del proprio destino. E’ nei piedi di Balotelli il suo futuro. E’ nel talento di Balotelli la scelta del proseguo di una carriera da raddrizzare, dopo un’impensabile parabola decadente. L’asteroide si trasformerà in una cometa oppure si schianterà come un meteorite?

Per seguire più da vicino la vicenda e le ultime di calciomercato sul Milan puoi consultare la sezione presente su stadiosport.it, sito sportivo specializzato proprio sul mercato in costante aggiornamento. 

Articoli correlati
Nome e Cognome
Email valida
Username
Password
* Cliccando su REGISTRATI accetti le nostre regole sulla privacy
ATTENZIONE: controllare sempre la cartella spam nella casella di posta, inquanto è possibile che alcuni provider inseriscano automaticamente la mail di attivazione in questa cartella.

CHIUDI
X

Password dimenticata ? Inserisci il tuo indirizzo email e ti invieremo i dati di accesso

Email valida
ATTENZIONE: controllare sempre la cartella spam nella casella di posta, inquanto è possibile che alcuni provider inseriscano automaticamente la mail di attivazione in questa cartella.

CHIUDI
X
Powered by: World(D) 1.6