NEWS

Vialli chiaro: in Italia per ora c'e' solo la Juve

Marco Avena - 27-05-2015 - Letture: 399

Il gap tra bianconeri e le altre squadre è ampio.

Vialli chiaro: in Italia per ora c'e' solo la Juve

A margine della presentazione della dodicesima edizione della "Fondazione Vialli e Mauro Golf Cup", Gianluca Vialli ha commenttoa il percorso della Juventus che tra meno di dieci giorni si giocherà il titolo. Secondo Vialli tuttavia, il risultato dei bianconeri, però, non deve illudere.

"La Juventus è arrivata in finale e non ha rubato nulla. I sorteggi sono stati fortunati, ma poi il passaggio del turno va meritato. Questa finale è un risultato di un lavoro inziato il giorno dopo la retrocessione in Serie B. Da quel momento la Juve è ripartita", ha detto Vialli.

"È ancora tutto da dimostrare che la Juventus sia espressione di un movimento - ha aggiunto - . Tra la Juve e le altre squadre italiane c'è un gap importante. L'obiettivo deve essere colmarlo. Solo allora si può parlare di un rilancio del nostro calcio".

I bianconeri, nonostante i pronostici sfavoreoli, hanno i numeri per battere il Barcellona: "Loro sulla carta sono più forti. Hanno giocatori fortissimi abituati a vincere. Credo anche io che giocarsela nei 90' sia meglio. Poi Berlino non è un campo tradizionale, è uno stadio neutrale in cui due giocatori come Pirlo Buffon e Barzagli si portano dentro il ricordo dei Mondiali che può caricare".

 

Nome e Cognome
Email valida
Username
Password
* Cliccando su REGISTRATI accetti le nostre regole sulla privacy
ATTENZIONE: controllare sempre la cartella spam nella casella di posta, inquanto è possibile che alcuni provider inseriscano automaticamente la mail di attivazione in questa cartella.

CHIUDI
X

Password dimenticata ? Inserisci il tuo indirizzo email e ti invieremo i dati di accesso

Email valida
ATTENZIONE: controllare sempre la cartella spam nella casella di posta, inquanto è possibile che alcuni provider inseriscano automaticamente la mail di attivazione in questa cartella.

CHIUDI
X
Powered by: World(D) 1.6