NEWS

Buffon, due dediche speciali per la vittoria col Monaco

Alessandro Cosattini - 15-04-2015 - Letture: 850

Il portiere dopo la partita contro il Monaco ha voluto ricordare le due persone scomparse il 14 aprile

Buffon, due dediche speciali per la vittoria col Monaco

“Le difficolta ai quarti di Champions League ci sono sempre, perché le squadre sono tutte di livello. Noi ce le siamo create da soli, sbagliando in fase di disimpegno e offrendo loro troppe occasioni in contropiede. Ma poi abbiamo meritato”, questo il commento del numero uno bianconero dopo la vittoria in Champions League contro il Monaco per 1-0. 

Gigi Buffon, nel post-partita, ha voluto ricordare un calciatore e un contractor, entrambi morti il 14 aprile. “Se mi permettete, vorrei dedicare questa vittoria a due persone che mi hanno reso orgoglioso di essere un calciatore e un italiano: Piermario Morosini e Fabrizio Quattrocchi. Sono sempre nel mio cuore”. Dai microfoni di Sky il portiere bianconero si commuove nel fare una dedica speciale: questa vittoria è per il collega del Livorno di cui oggi ricorre il terzo anniversario della scomparsa, e per il vigilante privato ucciso in Iraq nel 2004 dopo essere stato preso in ostaggio.

La dedica ai due uomini scomparsi non è una novità per Buffon: già due anni fa, sul suo profilo Facebook, il portiere della Nazionale dedicò un lungo post ai due giovani: secondo il portiere bianconero, era merito anche loro se «italiani» e «calciatori» potevano sperare in un’immagine migliore, come riporta l’edizione online de Il Corriere della Sera. “Due persone – scriveva il portiere della Juventus - che hanno dato lustro alla mia categoria e alla mia nazione, sono stati un vanto per me e mi auguro per tutti noi. Grazie Piermario, grazie Fabrizio, la vostra morte è servita a capire tante cose e a far vedere che non tutti siamo dei balordi, viziati, senza ideali e ammantati da vacui valori. Morosini ha riscattato la categoria dei calciatori perché ha dimostrato al mondo quanto possa contare la passione nelle discipline. Quattrocchi mi ha fatto vibrare il cuore con una frase che ancor oggi mi commuove: ‘ora vi faccio vedere come muore un italiano’”.

Articoli correlati
Nome e Cognome
Email valida
Username
Password
* Cliccando su REGISTRATI accetti le nostre regole sulla privacy
ATTENZIONE: controllare sempre la cartella spam nella casella di posta, inquanto è possibile che alcuni provider inseriscano automaticamente la mail di attivazione in questa cartella.

CHIUDI
X

Password dimenticata ? Inserisci il tuo indirizzo email e ti invieremo i dati di accesso

Email valida
ATTENZIONE: controllare sempre la cartella spam nella casella di posta, inquanto è possibile che alcuni provider inseriscano automaticamente la mail di attivazione in questa cartella.

CHIUDI
X
Powered by: World(D) 1.6