NEWS

Marotta-Moggi, uniti contro l'inquietante Lotito

Marco Avena - 16-02-2015 - Letture: 1329

L'attuale dg e l'ex collega si scagliano contro il presidente laziale.

Marotta-Moggi, uniti contro l'inquietante Lotito

Beppe Marotta chiede l'intervento della politica contro Claudio Lotito, sempre più convinto di essere il padre-padrone del calcio italiano. "Serve un intervento esterno. Lo sport e il calcio in particolare hanno un valore importante per la società italiana, quindi la politica potrebbe intervenire. Noi abbiamo un voto in assemblea e ci battiamo, ma dobbiamo accettare le decisioni democraticamente prese in quel consesso, dove siamo all’opposizione. Deve esserci un intervento esterno... E tutti i presidenti devono dire con chiarezza cosa pensano di questa situazione. All’estero ridono di noi", ha detto Marotta.

Marotta ha poi aggiunto: "In tempi non sospetti, Agnelli e la Juventus avevano stilato un programma di riforme da sottoporre al presidente federale. E aveva anche definito inadeguati i vertici federali. Io stesso avevo avvisato sui pericoli di dare troppo potere a una sola persona (Lotito, ndr) che aveva dei conflitti di interesse. La situazione è inquietante, così come la telefonata. Il rispetto delle persone non esiste più, che esempio diamo ai giovani? Mi sembra di essere tornato al feudalesimo, con un feudatario, vassalli e valvassori. Noi non condividiamo per nulla le parole di Lotito, anche se il modo con cui sono emerse può essere biasimato. Ma non è ammissibile che un consigliere federale dica certe cose, una persona che dovrebbe essere super partes. Concetti come l’odio, gli insulti, i giudizi...".

Ma contro Lotito e contro l'attuale sistema si è scagliato anche chi, in passato, fu accusato di essere il 'deus ex machina' del calcio italiano, Luciano Moggi: "Si sta avverando la profezia... (Togliamo il disturbo, ma vedrete che banditi arriveranno dopo di noi, disse Antonio Giraudo nel 2006, ndr) oggi è solo un continuo scontro fra presidenti rei di scelte sbagliate e continue liti per la spartizione dei poteri... Avevano promesso di non far passare più gli errori arbitrali come facenti parte di un complotto a favore di qualcuno, ma non hanno resistito: hanno sempre rivendicato i presunti torti, mai i favori, e adesso litigano addirittura per linee che non sono parallele... C’è di tutto in questo calcio malato ed è proprio per questo che i tifosi si allontanano. Addirittura due calciatori giocano regolarmente nonostante siano rei confessi di aver alterato le partite e l’attuale team manager della nazionale è stato condannato dalla Giustizia Ordinaria per aver falsificato un passaporto".

 

Articoli correlati
Nome e Cognome
Email valida
Username
Password
* Cliccando su REGISTRATI accetti le nostre regole sulla privacy
ATTENZIONE: controllare sempre la cartella spam nella casella di posta, inquanto è possibile che alcuni provider inseriscano automaticamente la mail di attivazione in questa cartella.

CHIUDI
X

Password dimenticata ? Inserisci il tuo indirizzo email e ti invieremo i dati di accesso

Email valida
ATTENZIONE: controllare sempre la cartella spam nella casella di posta, inquanto è possibile che alcuni provider inseriscano automaticamente la mail di attivazione in questa cartella.

CHIUDI
X
Powered by: World(D) 1.6