NEWS  

De Laurentiis show: ”Volevo Allegri come tecnico per il Napoli. Higuain non voleva un compagno…”

Federico Coppini - 07-03-2017 - Letture: 2411


Il presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis ha rilasciato una lunga intervista al quotidiano El Pais.

Ecco quanto evidenziato dalla redazione di TuttoNapoli in versione integrale: “Quando ho iniziato in questo mondo non aveva idea. Ma i primi due anni ho investito 120 milioni di euro. In Serie B ho iniziato a recuperare, e il primo anno in serie A è stato già pagato l’investimento.

Il 29 dicembre abbiamo iniziato a vendere i biglietti e sono spariti in quattro giorni. Questo dà un’idea dell’importanza. Quando abbiamo messo in vendita 4.900 per il Bernabeu sono stati venduti in 45 minuti.

loading...

Regole del cinema nel Napoli? Sì, ho voluto come i contratti cinematografici. E guarda, io sono l’unico al mondo che ha i diritti di immagine di tutti i miei giocatori. Quando ho comprato Higuain è stato molto complicato, perché il Real Madrid detiene solo il 50%. Perché? I giocatori non hanno alcuna formazione giuridica e non capiscono i contratti. Né hanno una formazione aziendale. Ma io non capisco come lo sport consenta alle aziende di negoziare direttamente con loro. I ragazzi hanno un contratto con il club, quindi bisognerebbe negoziare con il club. Non è assurdo? Così ho capito che il 99% dei club non sono aziende, sono gestiti dai dipendenti, che hanno una cultura molto diversa.

Higuain successo o fallimento? Un enorme successo. Ma a volte i media creano eroi di un club, ma non sempre quegli eroi sono in grado di sopportare quel peso e l’identità culturale. Sono ragazzi giovani e i mezzi rovinano le persone.  Aveva una clausola rescissoria (90 milioni di euro), quindi se c’era qualcuno abbastanza pazzo o interessato a pagarla, no potevo dire niente. Ma ci sono altri giocatori che si impegnano ad essere considerati come parte della mia famiglia e io come un genitore per loro.

Ha fatto uno dei suoi anni migliori. Ma abbiamo perso nella sua seconda stagione di qualificazione per la Champions perché non è riuscito a fare il gol decisivo. E anche il secondo posto.

Delusione? No. Personalmente non andavo a cena con lui. Ma sapevo della famiglia molto bene, e devo dire che è esemplare, con un padre straordinario. Poi c’era il fratello che mi ha sempre detto: ‘A Higuaín non piace a giocare con Callejon, compra altri giocatori.’ Non ho l’ho mai fatto perché amo Callejon. Così ho aumentato il contratto di quattro anni. Io non sono un uomo che può essere ricattato.

Benitez? Firmai un contratto con lui, ma a quel tempo, in realtà, mi sarebbe piaciuto per portare Massimiliano Allegri. Avevo un amore assoluto, quando ero a Milano e un giorno gli ho chiesto di venire. L’ho chiamato mese dopo mese, ma mi ha detto che dovevo aspettare. Così ad un certo punto pensammo a Benitez, andammo a vederlo a Londra e ci è piaciuto. E ‘ sembrato un napoletano, era gentile, ci ha invitato a mangiare … così facemmo il contratto. E quando tornai a Roma Allegri mi chiamò e mi disse: “Presidente, io posso.” Comunque …

Come finì con Benitez? Aveva un altro anno opzionale di contratto. Mi disse che la moglie e le figlie avevo sostenuto la possibilità di andare a Liverpool. Gli dissi: ‘Rafa, ho fatto 400 film, ho tre figli, tre nipoti … e mia moglie non mi ha mai detto nulla, perché devi prendere un mese per andare fuori? Questo non è mio ma un tuo problema?’. Così gli offrii una villa a Roma, buone scuole, americane … con i cavalli per una delle sue figlie, che amava andare a cavallo. All’altra piaceva il violino … E gli ho detto che potevo andare ogni volta che lo volevano a Napoli, perché è un’ora di treno. Mi rispose che non volevano a lasciare l’Inghilterra. Dissi ‘Caro Rafa, puoi esercitare l’opzione e soggiorno’. Che non gli piaceva che molto, sentii che sarebbe stato qualcosa di forzato.

Perdemmo una partita a Bilbao stupidamente che ci lasciò fuori dalla Champions… Non dico che lo fece apposta, ma forse la sua mente era altrove, o voleva per andare in un’altra squadra. Ci sono cose che le persone non conoscono.

Non lo poteva tenere un terzo anno. Ero felice per lui. Ma chi ha firmato per il Real Madrid è in pericolo. Ci sono giocatori, stelle viziate, che se messi contro l’allenatore possono condizionare le prestazioni.

Difficile essere presidente all’ombra di Maradona? No, è un onore. E ‘come quando ho fatto il mio primo film con Alberto Sordi. L’ombra di Maradona è un privilegio. Ma dobbiamo essere sinceri, il Napoli non ha vinto molto nella sua storia. Ha avuto grandi giocatori, ma ha avuto per la maggior parte Maradona. Nei miei 12 anni di gestione, Napoli è l’unica squadra italiana che ha trascorso sette anni di fila in competizioni europee. Ho i conti in ordine ed è un record di squadra. Ma essendoci stato Maradona, sembra che non ho fatto nulla (ride)”.

fonte: www.pianetabianconero.it

Nome e Cognome
Email valida
Username
Password
* Cliccando su REGISTRATI accetti le nostre regole sulla privacy
ATTENZIONE: controllare sempre la cartella spam nella casella di posta, inquanto è possibile che alcuni provider inseriscano automaticamente la mail di attivazione in questa cartella.

CHIUDI
X

Password dimenticata ? Inserisci il tuo indirizzo email e ti invieremo i dati di accesso

Email valida
ATTENZIONE: controllare sempre la cartella spam nella casella di posta, inquanto è possibile che alcuni provider inseriscano automaticamente la mail di attivazione in questa cartella.

CHIUDI
X
Powered by: World(129)