NEWS

Juventus, che beffa dalla Lega Pro!

Elia Guerra - 12-10-2016 - Letture: 8720

La Juve si mangia le mani

Juventus, che beffa dalla Lega Pro!

Dalla Serie D alla Juventus: un salto da predestinato, riuscito solamente anni prima a Moreno Torricelli. Stiamo parlando di Alessio Di Massimo, classe '96, che lo scorso gennaio passò appunto dai dilettanti dell'Avezzano alla Vecchia Signora grazie ai suoi gol fantastici e alle sue giocate che abbagliarono gli occhi dei dirigenti bianconeri. Giunto a Vinovo, il giovane attaccante si è unito alla Primavera di Fabio Grosso, fornendo un grosso contributo per la vittoria del Torneo di Viareggio. La Juventus però, a sorpresa, ha deciso di non riscattare il calciatore che in seguito si è accasato al Pescara.

 

In Abruzzo, però, non c'era lo spazio sufficiente per mettersi in mostra e di conseguenza ha deciso di trasferirsi in prestito alla Sambenedettese, squadra delle Marche che milita in Lega Pro, Girone B. Il giovane, sotto la guida di mister Palladino, ha trovato una condizione ottimale e sta stupendo tutti con i suoi gol e i suoi assist. Nella gara di ieri contro il Padova, infatti, Di Massimo al minuto 40 ha realizzato la rete del vantaggio che di fatto ha poi spianato la vittoria della sua squadra per 2 a 0. Insomma, una bella risposta al club bianconero che ha deciso di non puntare sulle sue ottime qualità; Torino se ne pentiranno già? Staremo a vedere.

Nome e Cognome
Email valida
Username
Password
* Cliccando su REGISTRATI accetti le nostre regole sulla privacy
ATTENZIONE: controllare sempre la cartella spam nella casella di posta, inquanto è possibile che alcuni provider inseriscano automaticamente la mail di attivazione in questa cartella.

CHIUDI
X

Password dimenticata ? Inserisci il tuo indirizzo email e ti invieremo i dati di accesso

Email valida
ATTENZIONE: controllare sempre la cartella spam nella casella di posta, inquanto è possibile che alcuni provider inseriscano automaticamente la mail di attivazione in questa cartella.

CHIUDI
X
Powered by: World(D) 1.6