NEWS

La nuova frontiera della squalifica: Cacia, fermato per whats app!

Sergio Stanco - 03-04-2015 - Letture: 399

Il centravanti del Bologna paga un'ingenuità

La nuova frontiera della squalifica: Cacia, fermato per whats app!

Nell'era moderna il calciatore deve stare attento a tutto, a come parla davanti alle telecamere, a come si coporta nel tempo libero, anche a chi frequenta e come... chatta. Già, perché questa è la storia di Daniele Cacia, squalificato on Serie B per qualche commento ingiurioso su what's app. E' tutto vero, il centravantio del Bologna è stato appiedato un turno per uno scambio poco simpatico di opinioni con il procuratore Fiorini (tra l'altro non il procuratore di Cacia...).

"Sei un poveraccio che cerca gloria in un mondo che non ti appartiene", ha digitato Cacia sul suo telefonino all'indirizzo dell'agente che lo aveva criticato per le prestazioni in campo. Ma ciò che è costato il turno di stop (che Cacia sconterà contro il Brescia) è - tra le altre - un "Ricorda, sono calabrese, non dimentico...", che il giudice sportivo ha giudicato minaccioso e dunque in violazione ai doveri di lealtà stabiliti dall'articolo 1 del codice di giustizia sportiva. Cacia, comunque, non è l'unico ad uscire malconcio dalla vicenda, perché anche Fiorini ha subito un'inibizione per un mese.

Articoli correlati
Nome e Cognome
Email valida
Username
Password
* Cliccando su REGISTRATI accetti le nostre regole sulla privacy
ATTENZIONE: controllare sempre la cartella spam nella casella di posta, inquanto è possibile che alcuni provider inseriscano automaticamente la mail di attivazione in questa cartella.

CHIUDI
X

Password dimenticata ? Inserisci il tuo indirizzo email e ti invieremo i dati di accesso

Email valida
ATTENZIONE: controllare sempre la cartella spam nella casella di posta, inquanto è possibile che alcuni provider inseriscano automaticamente la mail di attivazione in questa cartella.

CHIUDI
X
Powered by: World(D) 1.6