NEWS

Il decreto stadi è legge: la rivolta dei club

Andrea Bonino - 16-10-2014 - Letture: 1218

Il DL stadi passa al Senato: i club di A e B contribuiranno ai costi per la sicurezza

Il decreto stadi è legge: la rivolta dei club

Il decreto sugli stadi da oggi diventa legge: d’ora in poi i club contribuiranno ai costi degli straordinari per la sicurezza. Un provvedimento assolutamente logico contando il dispiego di forze dell’ordine che ogni week end lo Stato mette sul piatto dei club per garantire la sicurezza all’interno dei loro stadi. Ieri in Senato, dopo il via libera della Camera giunto il 2 ottobre, è stata votata la fiducia sul “DL Stadi”: 164 sì e 109 no.

I club sono d’accordo, ma non completamente: «Confermo l’apprezzamento per i contenuti del provvedimento sicurezza – ha detto il presidente della Lega di A, Maurizio Beretta, dopo il voto - anche perché sostanzialmente concordati tra le istituzioni e le componenti dello sport, ma quella imposta per coprire i costi è iniqua». Perché? «In questo provvedimento, è l’altra faccia della medaglia, è stato inserito il punto del prelievo degli incassi da stadio dei club per coprire i costi della sicurezza. Questo punto non ci trova assolutamente d’accordo. Ribadisco: il calcio italiano, e in particolare la serie A, è un contribuente molto importante e assicura all’erario entrate sia dirette che indirette significative. Già da tempo inoltre copre tutte le spese relative alla sicurezza all’interno degli impianti».

Ma tant’è: da oggi è legge. I club, si vedranno prelevare una parte degli incassi (dall’1 al 3%) per pagare gli sforzi delle forze dell’ordine nel garantire la sicurezza negli impianti. Una dioatriba che potrebbe essere mitigata dall’eventuale alleggerimento Irap per le società calcistiche. Il decreto prevede, oltretutto, disposizioni urgenti in materia di contrasto a fenomeno di illegalità e violenza in occasione di manifestazioni sportive: dal Daspo di gruppo all’arresto differito, dalla possibilità per i poliziotti di utilizzare la pistola elettrica.

«Questi contenuti – ha concluso Beretta - rafforzeranno la sicurezza negli impianti e la vita dei tifosi perbene sarà migliore. Sarà più agevole anche il contrasto a quelle piccole minoranze che con comportamenti inaccettabili fanno del male a tutto il mondo del calcio». A conti fatti nelle casse dello stato tra serie A e B entreranno tra i 6 e gli 8 milioni di euro. 

Articoli correlati
Nome e Cognome
Email valida
Username
Password
* Cliccando su REGISTRATI accetti le nostre regole sulla privacy
ATTENZIONE: controllare sempre la cartella spam nella casella di posta, inquanto è possibile che alcuni provider inseriscano automaticamente la mail di attivazione in questa cartella.

CHIUDI
X

Password dimenticata ? Inserisci il tuo indirizzo email e ti invieremo i dati di accesso

Email valida
ATTENZIONE: controllare sempre la cartella spam nella casella di posta, inquanto è possibile che alcuni provider inseriscano automaticamente la mail di attivazione in questa cartella.

CHIUDI
X
Powered by: World(D) 1.6