NEWS

Arrigo Sacchi non sta con chi critica l'Inter

Marco Avena - 25-09-2015 - Letture: 2596

Intervista al Corriere dello Sport.

Arrigo Sacchi non sta con chi critica l'Inter

Arrigo Sacchi è andato giù duro contro gli 'ipocriti' che accusano l'Inter di scarso gioco e di risultati di misura. Per l'ex tecnico di Milan e Nazionale è sempre stato così in Italia.

"L’Inter di Mancini vince cinque partite consecutive e si apre un dibattito raro per il nostro Paese: di solito si è sempre apprezzata la vittoria a prescindere dal merito e dalla bellezza - ha detto Sacchi -. Questo significa che sta migliorando la nostra cultura sportiva o è invidia per questa straordinaria serie di vittorie? Il tempo, come sempre, ce lo dirà. Oggi si parla e si scrive di poco spettacolo, di squadre utilitaristiche e ciniche, ma non si è sempre detto che conta solo la vittoria?"

"E allora che cosa chiedete ai nerazzurri? Roberto si difende dicendo che non vede squadre che nel campionato stiano divertendo ed emozionando, aggiunge che ha cambiato molti giocatori ed occorre tempo per migliorare sincronismi ed acquisire tempistiche di gioco: il bel gioco verrà".

Sacchi è stato chiaro in questo senso: "Se Roberto riuscirà a migliorare l’organizzazione di squadra e dare un gioco sempre più armonioso credo che per le altre sarà assai difficile, viste anche le false partenze delle grandi favorite Juventus e Roma".

Articoli correlati
Nome e Cognome
Email valida
Username
Password
* Cliccando su REGISTRATI accetti le nostre regole sulla privacy
ATTENZIONE: controllare sempre la cartella spam nella casella di posta, inquanto è possibile che alcuni provider inseriscano automaticamente la mail di attivazione in questa cartella.

CHIUDI
X

Password dimenticata ? Inserisci il tuo indirizzo email e ti invieremo i dati di accesso

Email valida
ATTENZIONE: controllare sempre la cartella spam nella casella di posta, inquanto è possibile che alcuni provider inseriscano automaticamente la mail di attivazione in questa cartella.

CHIUDI
X
Powered by: World(D) 1.6