NEWS

INTER: statistiche testimoniano il coinvolgimento negli ultimi 20 metri di molti calciatori

Federico Coppini - 24-01-2017 - Letture: 851

INTER: statistiche testimoniano il coinvolgimento negli ultimi 20 metri di molti calciatori

C'era una volta, neanche troppo tempo fa, l'Inter che giocava solo per Mauro Icardi, il quale a sua volta faceva fatica a trovare spazio tra le ermetiche difese avversarie che ormai avevano mangiato la foglia sul modulo offensivo nerazzurro: cross dalle fasce alla ricerca del centravanti, abbandonato a sé stesso nel cuore dell'area. Un atteggiamento monotematico che nonostante qualche buon risultato, certificato dai gol dell'argentino, alla lunga si è rivelato controproducente in quanto prevedibile e facilmente leggibile dall'avversario.

Con la nomina di Stefano Pioli a capo allenatore la musica è cambiata anche da questo punto di vista. Già durante la prima partita sulla panchina nerazzurra, il derby, si è vista la differenza: Mauro Icardi non è più l'unico punto di riferimento offensivo, ad attaccare gli spazi ci sono anche gli esterni e, nello specifico, Ivan Perisic e Antonio Candreva recepiscono rapidamente i nuovi compiti. Contro il Milan il croato ha almeno un paio di palle gol non sfruttate, mentre l'ex Lazio riesce persino a trovare la via del gol firmando dalla distanza, da posizione accentrata, la rete del momentaneo 1-1 (il 2-2 finale di Perisic è frutto di un'azione abbastanza casuale da corner).

Dopo quell'approccio, si è capito subito come Pioli abbia lavorato per aumentare la duttilità offensiva dell'Inter, cercando di mandare al tiro più giocatori possibile senza tuttavia privare Icardi dello scettro di puntero principale. Ed è così che sono aumentati i gol degli 'altri', sia degli esterni sia dei centrocampisti (la rete di Joao Mario ieri è l'emblema della richiesta di inserimento da parte dell'allenatore). Non solo: l'imprevedibilità dei nerazzurri nella metà campo avversaria è certificata dalla partecipazione alla manovra offensiva di più giocatori, con combinazioni che coinvolgono soprattutto il tridente e non solo unilateralmente (direzione Maurito). I numeri dopo 21 partite non mentono: ai primi due posti della specifica classifica (fonte Whoscored) delle combinazioni assist-gol in Serie A, ne figurano due interiste, entrambe a quota 4: assist di Icardi, gol di Perisic e assist Candreva, gol di Icardi. Al terzo posto, pur se in nutrita compagnia con 3 'episodi', un'altra combinazione nerazzurra: assist di Ever Banega, gol di Icardi (3). Nella Top20 di questa speciale classifica figura un'altra coppia interista: assist di Joao Mario, gol di Marcelo Brozovic, verificatasi 2 volte.

Statistiche che testimoniano il coinvolgimento negli ultimi 20 metri di molti calciatori nonché l'altruismo di chi riceve palla in posizione vantaggiosa e cerca sempre il compagno più libero. Lo stesso Icardi, principale ispiratore di Perisic, è tornato a eseguire l'arte del key pass come non gli accadeva dai tempi in cui faceva coppia fissa con Rodrigo Palacio, il suo partner storico all'Inter.

Fonte: http://www.fcinternews.it/

Nome e Cognome
Email valida
Username
Password
* Cliccando su REGISTRATI accetti le nostre regole sulla privacy
ATTENZIONE: controllare sempre la cartella spam nella casella di posta, inquanto è possibile che alcuni provider inseriscano automaticamente la mail di attivazione in questa cartella.

CHIUDI
X

Password dimenticata ? Inserisci il tuo indirizzo email e ti invieremo i dati di accesso

Email valida
ATTENZIONE: controllare sempre la cartella spam nella casella di posta, inquanto è possibile che alcuni provider inseriscano automaticamente la mail di attivazione in questa cartella.

CHIUDI
X
Powered by: World(D) 1.6