NEWS  

Joao Mario: il suo problema è comportamentale

Federico Coppini - 02-01-2017 - Letture: 12527


Il grande colpo della prima sessione estiva targata Suning, pagato più di 40 milioni di euro, si chiama Joao Mario Naval da Costa Eduardo, meglio conosciuto semplicemente come Joao Mario. Del portoghese, prima di quest'estate, in pochissimi ne avevano sentito parlare, ma da quando è diventato campione d'Europa col 10 sulle spalle col suo Portogallo, in molti hanno imparato a conoscerlo. Soprattutto gli interisti, che fin dalla sua partita d'esordio, il 2-1 interno contro la Juventus, hanno capito quanto il nuovo numero 6 dell'Inter possa essere decisivo. Da allora, c'è da dire, ci sono state partite in cui il nativo di Oporto ha lasciato a desiderare, soprattutto per l'atteggiamento (si pensi all'indolenza di Atalanta-Inter o Sampdoria-Inter), così come tante volte è risultato decisivo, ad esempio nel match d'esordio. Decisivo, infatti, è l'aggettivo che meglio si addice ai primi 6 mesi di Joao Mario all'Inter. Lo dicono anche i dati: ha giocato 14 partite in nerazzurro, di cui 8 vinte, 6 persa ed una pareggiata. Con lui in campo i nerazzurri hanno vinto il 57% delle partite, pareggiandone solo il 7%. Croce e delizia, Joao Mario. O si vince o si perde, con lui in campo. Ha giocato in Serie A 1106 minuti: 12 volte è partito dal primo minuto.

Non è stato inserito nella lista Uefa, chissà che la catastrofe europea dei nerazzurri sia figlia anche di questo, probabilmente con lui in campo le cose sarebbero andate diversamente. Perchè con lui in campo, le cose cambiano. Lo dicono i numeri: nella zona nevralgica del campo, spesso è lui a dettare il ritmo della danza. E' stato provato da mezzala e ha fatto bene, ma anche nella sua prima apparizione da regista bloccato dietro (vs Torino) ha fatto altrettanto. Un gol e 3 assist: tanto ha pesato fin qui nell'economia delle realizzazioni dell'Inter il classe 93'. A conferma di quanto sia 'presente' a centrocampo, c'è da ricordare che ben 5 volte è stato ammonito. E' un calciatore capace di creare superiorità numerica con l'intelligenza e la precisione dei passaggi (si ricordi l'assist dello 0-2 sull'Empoli servito ad Icardi): 765 tentati, 645 andati a segno (84%), 120 falliti (16%); ma anche con i dribbling: 29 tentati, 24 andati a segno (82%), 5 falliti (18%). Sebbene abbiamo capito quanto possa essere influente nella costruzione delle trame offensive dell'Inter, e a volte anche nella finalizzazione (gol vs Cagliari), il portoghese non annovera quelle balistiche tra le sue doti migliori: 15 tiri effettuati in Serie A, 11 da fuori, 3 da dentro l'area, 1 dall'area piccola (da qui è arrivato il gol).
L'impressione è che se inserito in un meccanismo funzionante, come pare stia iniziando ad essere la squadra di Pioli, e se l'atteggiamento individuale è volitivo, il numero 6 potrebbe diventare un top europeo del centrocampo. A fargli da ostacolo, come detto, è solo l'atteggiamento assunto in qualche apparizione. Quando la testa è sulle spalle e il piede è caldo, però, sa essere assolutamente decisivo: i 3 assist effettuati fin qui sono la sineddoche del suo stile di gioco:
-vs Empoli, interdizione e palla immediatamente trasmessa con i giri giusti in profondità per Icardi: gol
-vs Genoa (1-0), schema da calcio d'angolo. Pallone perfetto per Brozovic che spiazza Perin
-vs Genoa (2-0), il portoghese riceve palla a centrocampo, dribbla un uomo spostando abilmente in corpo, regge il contrasto con un secondo difensore e lo semina in progressione prima di mettere un pallone in mezzo per Brozovic, che si trova la tavola apparecchiata per il 2-0

Non bastano, ma questi numeri servono a far capire quanto fatto, e quanto potrà fare, Joao Mario, per l'Inter.

Nome e Cognome
Email valida
Username
Password
* Cliccando su REGISTRATI accetti le nostre regole sulla privacy
ATTENZIONE: controllare sempre la cartella spam nella casella di posta, inquanto è possibile che alcuni provider inseriscano automaticamente la mail di attivazione in questa cartella.

CHIUDI
X

Password dimenticata ? Inserisci il tuo indirizzo email e ti invieremo i dati di accesso

Email valida
ATTENZIONE: controllare sempre la cartella spam nella casella di posta, inquanto è possibile che alcuni provider inseriscano automaticamente la mail di attivazione in questa cartella.

CHIUDI
X
Powered by: World(129)