NEWS

Gli interisti di Zelig: "C'è poco da ridere!"

Marco Avena - 08-10-2014 - Letture: 626

Autori e artisti tifosi nerazzurri preoccupati per l'andamento della stagione.

Gli interisti di Zelig: "C'è poco da ridere!"

Sono bastate poche partite ed ecco che i mali dell'Inter sono venuti immediatamente a galla. Mali che hanno tolto il buon umore pure ai professionisti della risata di Zelig, come racconta oggi il quotidiano Tuttosport.

Gino e Michele, gli ideatori del programma, si sono tolti più di un sassolino dalla scarpa. Il primo ha raccontato che "Dopo 30 anni per la prima volta sono uscito dallo stadio all'intervallo: al di là dei 4 gol, con il Cagliari ho visto una squdra spenza, senza slancio, senza quelle caratteristiche tipiche dell'Inter". Non da meno Michele: "Per fortuna, a causa dei motivi di lavoro, seguo poco l'Inter in queste ultime settimane, ma è una squadra che non entusiasma e purtroppo non ottiene risultati".

E che dire di un interista doc come Enrico Bertolino? Parlando di Mazzarri e del suo carattere ha aggiunto: "E' come pretendere da uno che non è capace, di raccontare bene una barzelletta".

Gino ne ha anche per il presidente Thohir: "All'Inter non si capisce chi comanda, chi prende le decisioni e questo caos si riflette su tutto". Il motivo è presto chiarito: "Ci voleva subito un dirigente forte al comando,visto che Thohir non è presente quotidianamente".

Articoli correlati
Nome e Cognome
Email valida
Username
Password
* Cliccando su REGISTRATI accetti le nostre regole sulla privacy
ATTENZIONE: controllare sempre la cartella spam nella casella di posta, inquanto è possibile che alcuni provider inseriscano automaticamente la mail di attivazione in questa cartella.

CHIUDI
X

Password dimenticata ? Inserisci il tuo indirizzo email e ti invieremo i dati di accesso

Email valida
ATTENZIONE: controllare sempre la cartella spam nella casella di posta, inquanto è possibile che alcuni provider inseriscano automaticamente la mail di attivazione in questa cartella.

CHIUDI
X
Powered by: World(D) 1.6