NEWS

Passano gli anni ma Cordoba attacca ancora la Juve, Totti e Inzaghi

Marco Avena - 20-04-2016 - Letture: 851

Il colombiano è tornato sui veleni del 2006.

Passano gli anni ma Cordoba attacca ancora la Juve, Totti e Inzaghi

Ieri, Ivan Ramiro Cordoba era presenta al Mondadori Store di Milano in cui c'è stata la presentazione del libro 'Combattere da uomo' e il colombiano non ha perso l'occasione di ricordare i veleni del 2006 che portarono alla retrocessione della Juve in B.

"Un gruppo dentro al gruppo, un gruppo che alimenta il gruppo. In quel momento, agli inizi, noi cercavamo di fare tutto al massimo, ma qualche forza strana non ci lasciava andare più in là. Poi abbiamo saputo qual era questa forza... (Calciopoli, ndr). Ci sono state serate molto intense, molto particolari. Quell'anima che ha portato avanti la squadra derivava anche da sconfitte molto pesanti. Le gioie che abbiamo avuto dopo non sarebbero mai state così belle senza quei momenti difficili. Mi vengono ancora in mente quelle immagini quando alzi la prima Coppa Italia. Forse avevamo festeggiato un po' esageratamente, ma per noi era come vincere una Champions. Da lì è cominciato tutto".

Poi l'attacco a Totti e Inzaghi: "Non è possibile che nessuno ti possa toccare: allora vai a giocare con le bambole! Mi è capitato di dirlo a Totti, a Inzaghi... Grandi campioni, per carità. Però mi hanno fatto arrabbiare parecchio".

Articoli correlati
Nome e Cognome
Email valida
Username
Password
* Cliccando su REGISTRATI accetti le nostre regole sulla privacy
ATTENZIONE: controllare sempre la cartella spam nella casella di posta, inquanto è possibile che alcuni provider inseriscano automaticamente la mail di attivazione in questa cartella.

CHIUDI
X

Password dimenticata ? Inserisci il tuo indirizzo email e ti invieremo i dati di accesso

Email valida
ATTENZIONE: controllare sempre la cartella spam nella casella di posta, inquanto è possibile che alcuni provider inseriscano automaticamente la mail di attivazione in questa cartella.

CHIUDI
X
Powered by: World(D) 1.6